Pubblicità
HomeCulturaUn giorno perfetto: un grande romanzo, un bel film.

Un giorno perfetto: un grande romanzo, un bel film.

[oblo_image id=”2″]“Un giorno perfetto” è un romanzo che gioca a carte scoperte; come va a finire lo percepisci subito, fin dalle prime pagine, ma lo leggi comunque con grande trepidazione, perché non è sullo scioglimento dell’enigma che l’autrice Melania Mazzucco punta per tenere legati i lettori.

La grandezza di questo romanzo è nei toni usati per descrivere i tanti personaggi che ruotano attorno a queste 24 ore di vita vera. E’ un libro sull’irrimediabilità dei comportamenti umani e dei loro effetti.

Una certa ansia accompagna la lettura, ed è legata alla speranza che non avvenga quello che invece sai bene fin dall’inizio che avverrà; ma è un finale inevitabile, così come troppo spesso nella vita i percorsi risultano già scritti, e a volte, diventa difficile, se non impossibile, cambiarne la direzione.

Colpisce la prosa della Mazzucco perché non tralascia nessun particolare, scava fino in fondo nei personaggi, non lascia spazi vuoti; la sua narrazione si fa inseguire. E’ questa la forza del libro; non si vuol sapere come va a finire, ma come si è arrivati fin lì, perché non si è riusciti a evitare l’inevitabile. A nessuno dei personaggi del libro la Mazzucco nega lo sguardo commosso; li avrebbe voluti tutti liberi, felici e pieni di vita, invece sono tutti schiavi di qualcosa, tutti si sono persi, perché la vita non dà scampo, e troppe volte non va in porto niente di quello che dalla vita ti aspetti.

E’ un libro per certi aspetti spietato, così come lo sono le molte storie di cronaca nera che, come anestetizzati, ogni giorno leggiamo sui giornali. Ma il libro è anche un racconto lucido sulla nostra epoca: sul lavoro precario, sui sogni piccolo borghesi di molti di noi, sugli amori impossibili solo perché non si ha il coraggio di essere se stessi; insomma è un ritratto amaro del nostro paese, ambientato in una Roma intesa come agglomerato urbano di realtà diverse, spesso incomponibili fra loro. Leggendo il romanzo si passa dal ruolo di lettore a quello di personaggio, perché a tratti si ha la sensazione di scivolarvi dentro questa storia, man mano che le maschere dei personaggi acquistano la loro umanità, fatta di piccoli e grandi difetti, di cui nessuno di noi è privo, e ci si riconosce anche nel mondo che la Mazzucco racconta, perché è quello che ci circonda, fatto di ambizione, aspettative spesso deluse, tristezza, ipocrisia.
Tutti i personaggi vivono una fortissima e dolorosa crescita privata, ma è tardiva e inutile. Tutti, indistintamente, soffrono, anzi la sofferenza e il dolore sono il tratto comune delle loro storie, dei ricchi e dei poveri, degli “arrivati” e degli “sfigati”.

La Mazzucco mostra di avere una grande finezza psicologica nel descrivere la drammaticità e la complessità di tutti i personaggi, che non sono né neri né bianchi, né buoni né cattivi, ma semplicemente contraddittori, come tutti gli essere umani, e per questo veri.

“Un giorno perfetto” lo si legge tutto di un fiato, senza accorgersi delle pagine che scorrono, perché è un affresco sociale, è una foto di gruppo di una nazione intera, è molto di più della cronaca romanzata di una notizia di nera da prima pagina; è l’anatomia di una famiglia, anzi, della famiglia in quanto tale.

Il romanzo è uscito nel 2005, ma è tornato alla ribalta grazie al regista turco Ferzan Ozpetek, che ne ha fatto un film, ma “Un giorno perfetto” che troviamo sugli schermi è un film di Ozpetk ispirato al libro della Mazzucco, non è purtroppo, il romanzo della Mazzucco portato sullo schermo.

Il film è bello e ben fatto, ma Ozpetek assottiglia troppo lo spessore che la Mazzucco aveva dato a quei personaggi.

Questo romanzo meritava una trasposizione cinematografica simile a quella fatta con “La meglio gioventù” da Marco Tullio Giordana, solo così forse si potevano preservare tutte le sfumature e tutte le tensioni così sapientemente descritte nel libro.

“Un giorno perfetto”
di Melania Mazzucco
Rizzoli Editore.
405 pagine.
Prezzo 21,50 euro

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments