Pubblicità
HomeSpettacoloCinemaDavid: Caos calmo asso pigliatutto?

David: Caos calmo asso pigliatutto?

[oblo_image id=”1″]Il 18 aprile, dopo non poche polemiche, siassegneranno i David di Donatello, gli oscar del cinema nostrano.La cerimonia di premiazione si svolgerà all’Auditorium della Conciliazione di Roma, ed è prevista, per l’evento, la differita TV, perché l’audience di questo tipo di manifestazioni non è sufficiente per coprire la “prima serata”. Come previsto, è stato “Caos calmo” di Antonello Grimaldi a fare incetta di nomination; d’altronde di questo film si è fatto un gran parlare, prima, durante e dopo, che era inevitabile che si piazzasse fra i favoriti. Ben 18 le nomination per il film che vedeNanni Moretti protagonista assoluto. A contendergli l’Oscar del cinema italiano saranno ilpiuttosto banale “Giorni e nuvole” di Silvio Soldini,la vera novità di quest’anno “La ragazza del lago” di Andrea Molaioli, il tenero “La giusta distanza di Carlo Mazzacurati e il bel “Il vento fa il suo giro” di Giorgio Diritti.Nelle nomination si sono piazzati assai beneanche Silvio Soldini e Molaioli, che con “Giorni e nuvole” e “La ragazza del lago” si aggiudicano 15 nomination, seguono a ruota tutti gli altri. Per il miglior regista sono in lizza, oltre ai nomi di cui prima, anche Cristina Comencini per “Bianco e nero”. Per quanto riguarda i migliori attori protagonisti, in pool position ci sono:un ineditoAntonio Albanese per “Giorni e nuvole”,un grande vecchio come Lando Buzzanca per “I Vicerè”, il già detto Nanni Moretti per “Caos calmo”, lo struggente Kim Rossi Stuart di”Piano, solo” e un grandissimo Toni Servillo per “La ragazza del lago”; mentre per le donne la cinquina è composta dall’intensa Anna Bonaiuto per la “La ragazza del lago”, la grintosa, ma in questa occasione, Margherita Buy per “Giorni e nuvole, la piacevole novità Antonia Liskova per “Riparo”, la brava Valentina Lodovini per “La giusta distanza e la straordinaria Valeria Solarino per “Signorinaeffe”.

L’edizione di quest’anno, come annunciato dal patron Gian Luigi Rondi, vedrà la consegna di alcuni David speciali, uno per il regista romano Luigi Magni, l’altro per Carlo Verdone, per i trent’anni di carriera e l’ultimo se lo aggiudicherà Gabriele Muccino. La motivazione ufficiale è: “Per aver diffuso egregiamente il cinema italiano negli Usa”. Non ci resta che attendere, e vedere se i meritevoli concorrenti riusciranno ad avitare cheGrimaldi ed il suo film si “abbuffino” di statuette.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments