Pubblicità
HomeTecnologiaQuando il nemico è l’Error 404: Page not found

Quando il nemico è l’Error 404: Page not found

[oblo_image id=”1″]Navigando in Internet vi imbattete continuamente nei messaggi Error 404. Page not Found oppure Exceeded bandwidth limit e non riuscite ad accedere alla pagina web desiderata? Niente paura, da oggi avete la soluzione a questo problema, causato principalmente dall’effetto Slashdot (quando troppi utenti cercano di aprire la stessa pagina web nello stesso momento) o dalla cancellazione della pagina (dal server o per la disattivazione di quel server). Qualunque sia la causa dell’irraggiungibilità dell’Url, la soluzione arriva dalle pagine della sezione How-To di Wired. Ecco le soluzioni proposte:

1- Effetto Sladshot: il servizio gratuito di Coral Cache permette di accedere a un elenco di pagine al momento non raggiungibili, perché sotto assedio di numerosi utenti, con conseguente alto traffico. La soluzione consiste nell’aggiungere «nyud.net» alla fine dell’indirizzo desiderato e aspettare qualche istante per accedervi.

2- Pagina inesistente: se l’Url è invece scomparso, ci sono diverse possibilità. La prima è quella di sfruttare la memoria di Google: esso infatti conserva le copie delle pagine indicizzate e ne segnala la presenza nei risultati di ricerca tramite il link «cached» (o «copia cache»), posizionato accanto all’Url originale. Così, in parole povere, se la pagina non esiste più, si giungerà su una pagina corrispondente all’ultima copia che Google ne ha fatto. Se però questa non dovesse corrispondere fedelmente a ciò che stiamo cercando, si può sfruttare il motore dell’Internet Archive, ovvero la Wayback Machine, che consente di accedere anche a pagine rimosse dal web anni fa. La Wayback Machine, infatti, conserva tutte le pagine pubblicate sotto una certa Url negli anni e, grazie al suo archivio, va a scovare pagine ormai non più visibili.

Tuttavia, per essere certi di non perdere le pagine web preferite e dover poi ricorrere a questi espedienti per recuperarle, è possibile usare Magnolia (http://ma.gnolia.com), un nuovo servizio di social bookmarking capace di salvare sul proprio server una copia della pagina desiderata.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments