Massa-Raikkonen: trionfo rosso nel deserto del Bahrain

0
37

[oblo_image id=”1″]E’ durata poco la prima pole in carriera di Robert Kubica: Massa ha reagito alle critiche che gli erano piovute addosso dopo il Gp di Malesia e ha messo tutti a tacere bruciando il polacco fin dalla prima curva, rimanendo sempre in testa, anche durante i cambi di gomme e i rifornimenti di benzina ai box e dimostrando superiorità sul compagno di squadra per tutta la gara. E’ stata una gran partenza – spiega Felipe – forse Robert è partito male e io bene  e questo mi ha aiutato a sorpassarlo subito e ha fare la mia gara già dalla prima curva. Ottimo comunque per la BMW il 3° posto di Kubica, seguito dal compagno di squadra Hidefeld.

5° doppietta per Massa e Raikkonen e dietro di loro il deserto (vittoria numero 203 nella lunga storia Ferrari e 100° traguardo da quando Montezemolo è presidente): grandissima dimostrazione di forza e consistenza della squadra che ha curato tutto nei minimi dettagli, considerando anche che i motori usati in gara oggi erano gli stessi della Malesia.Raikkonen non cerca di nascondere la delusione:  Certo volevo vincere io ma la doppietta fa bene alla squadra, mi mancava un pizzico di velocità. La gara non è stata perfetta, comunque sono finito secondo e ho preso punti buoni, pesanti, che mi portano in testa alla classifica.

Giornata da dimenticare invece per la McLaren: alla partenza Hamilton è stato surclassato dal compagno di squadra Kovalainen finendo in 10° posizione, dietro ad Alonso e lì è arrivato il primo impatto: il britannico è letteralmente entrato con il musetto nella parte posteriore della Renault guidata dallo spagnolo. La McLaren ha avuto la peggio e Hamilton è stato costretto alla sosta ai box, rientrando in 18° posizione e compromettendo così, definitivamente, la sua gara: il successivo tentativo di rimonta non l’ha portato oltre il 13° posto. Premio di consolazione per la squadra anglo-tedesca il miglior giro di Kovalainen in 1’33”193.

Altro brivido della gara arriva al diciottesimo giro, quando Button entra in una curva a gomito cercando di sorpassare Coulthard dall’interno. Lo scozzese non lascia spazio e l’impatto è inevitabile, con il pilota Honda costretto al ritiro.

Da notare il sesto posto di Trulli, che gli permette di totalizzare altri tre punti mondiali e di piazzarsi in quarta posizione con otto lunghezze iridate, una in più di Nico Rosberg, oggi ottavo.

Ad un passo dalla zona punti, invece, Timo Glock, solo 9° al traguardo anche per un problema al pit-stop che lo ha visto tentare di ripartire con l’auto ancora sollevata da terra: il pilota tedesco della Toyota è comunque riuscito a resistere agli attacchi di Alonso, 10°, e Barrichello, 11° e ultimo dei piloti a pieni giri. Primo dei doppiati Giancarlo Fisichella, ottimo 12° posto davanti a Lewis Hamilton, dopo aver parato stoicamente i continui attacchi della McLaren del britannico, ottenendo il massimo da una vettura ancora poco efficace.

Uno dei ritirati è Nelson Piquet, fermo a quaranta giri dal termine dopo la rottura del cambio sulla sua Renault: già nel giro di formazione, infatti, il pilota brasiliano aveva lamentato l’impossibilità di azionare la seconda marcia. Prima di lui, si era dovuto fermare Button, protagonista di un incidente con David Coulthard nel quale ha danneggiato la sua monoposto irrimediabilmente. E’ andata ancora peggio a Sebastian Vettel: una serie di contatti in partenza tra la curva uno e la curva quattro hanno danneggiato duramente la sua Toro Rosso, costringendolo al ritiro già a metà del primo giro.

Ferrari in testa alla classifica a pari punti con l’ottima BMW (29 punti), seguita dalla McLaren a (28 punti). Mentre nel Mondiale piloti adesso comanda Raikkonen, che vanta 19 punti, seguito dal sorprendente Heidfeld (che ne ha 16) e dal trio Hamilton-Kovalainen-Kubica a quota 14.

Con questo si conclude il tour extra-europeo che apre la stagione di Formula 1: piloti e squadre torneranno in pista nel week-end del Gran Premio di Spagna, a Barcellona, previsto per il week-end del 25, 26 e 27 aprile 2008.

Ordine di arrivo

1

Massa

Ferrari

2

Raikkonen

Ferrari

+0’03”339

3

Kubica

Bmw

+0’04”998

4

Heidfeld

Bmw

+0’08”409

5

Kovalainen

McLaren

+0’26”789

6

Trulli

Toyota

+0’41”314

7

Webber

Red Bull

+0’45”473

8

Rosberg

Williams

+0’55”889

9

Glock

Toyota

+1’09”500

10

Alonso

Renault

+1’17”181

11

Barrichello

Honda

+1’17”862

12

Fisichella

Force India

+1 lap

13

Hamilton

McLaren

+1 lap

14

Nakajima

Williams

+1 lap

15

Bourdais

Toro Rosso

+1 lap

16

Davidson

Super Aguri

+1 lap

17

Sato

Super Aguri

+1 lap

18

Coulthard

Red Bull

+1 lap

19

Sutil

Force India

+2 laps

20

Piquet jr.

Renault

Ritirato

21

Button

Honda

Ritirato

22

Vettel

Toro Rosso

Ritirato

Classifica piloti

Pilota

Punti

Aus

Mal

Bah

Raikkonen

19

1

10

8

Heidfeld

16

8

3

5

Hamilton

14

10

4

0

Kubika

14

0

8

6

Kovalainen

14

4

6

4

Massa

10

0

0

10

Trulli

8

0

5

3

Rosberg

7

6

0

1

Alonso

6

5

1

0

Webber

4

0

2

2

Nakajima

3

3

0

0

Bourdais

2

2

0

0

Classifica costruttori

Squadra

Punti

Aus

Mal

Bah

Ferrari

29

1

10

18

Bmw

29

8

10

11

McLaren

28

14

10

4

Williams

10

9

0

1

Toyota

8

0

5

3

Renault

6

5

1

0

Red Bull

4

0

2

2

Toro Rosso

2

2

0

0