Colpa delle stelle , la forza della vita raccontata da John Green

0
114
Colpa delle Stelle

Green stelle

Recensione Colpa delle Stelle di John Green

Colpa delle Stelle è senza dubbio una storia di forza, coronata dall’amore, che ne irradia ancora di più. La malattia è affrontata in maniera differente: non solo lacrime e rabbia, ma forza, tanta forza e tanta sopportazione.

Hazel è una sedicenne che lotta contro un tumore, che l’ha costretta ad affidare la sua respirazione ad alcuni tubi collegati ad una bombola d’ossigeno. Ama leggere, è un’adolescente molto perspicace, ed è seguita dalla mamma, che non la perde un attimo di vista. È proprio lei a convincerla a frequentare delle riunioni di ragazzi che stanno lottando contro una malattia, per parlarne, affrontare l’argomento insieme e condividere la propria esperienza. Qui incontra Augustus, diciassettenne a cui è stata amputata una gamba, al posto della quale ora ha una protesi. Lui la nota ed è subito scintilla fra i due. Hanno molte cose in comune, un modo di pensare simile, nonostante qualche piccola divergenza. L’amore per i libri, passione comune ad entrambi, li unirà ancora di più, fino a portarli oltreoceano, in un viaggio singolare e curioso. La vita però non è semplice e loro lo sanno bene, un destino crudele li aspetta e devono farsi trovare pronti entrambi.

I due sembrano avvolti in un’unica bolla dalla quale guardano avanti insieme. Due ragazzi in età adolescenziale che si aiutano a vicenda, l’uno dà la forza all’altro per andare avanti in questa dura lotta quotidiana. Tra reparti d’ospedale, farmaci e problemi fisici, l’amore e il sorriso riescono a trionfare. Vi è un’accettazione del destino, una voglia di averla vinta e di vivere che fanno paura.
Un libro che fa riflettere.

L’omonimo film è uscito nelle sale italiane lo scorso settembre, diretto da Josh Boone. Per vedere il trailer: http://youtu.be/lgfByjcriww

Recensione Colpa delle Stelle di John Green

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui