Maserati , cento anni di storia e un futuro di rilancio

0
37
Mostra Maserati
Mostra Maserati

Le 100 candeline, la Maserati le spegne con una serie di celebrazioni ed eventi, compresa una bellissima mostra al Museo Enzo Ferrari di Modena: un secolo – come ricorda la Casa del Tridente – che è stato ”vissuto all’insegna di sportività, innovazione e lusso unici al mondo”.

E la mostra, dal titolo “Century of Pure Italian Luxury Sports Cars” (potevano anche scriverlo in italiano…), si è inaugurata qualche giorno fa, alla presenza dell’amministratore delegato di Maserati Harald Wester e del presidente della Ferrari Luca di Montezemolo, e ha avuto come ospite d’onore il leggendario sir Stirling Moss, il pilota britannico che fu guida ufficiale della Maserati nelle stagioni di Formula Uno del 1954 e del 1956 e vincitore di alcune tra le gare più prestigiose nella storia del Tridente, come la 1000 km del Nurburgring del 1960.

Nell’avveniristico Museo Enzo Ferrari, edificato a fianco della casa natale del celebre pilota-costruttore e all’officina del padre Alfredo, Maserati espone per la prima volta alcuni pezzi unici della sua produzione di auto da competizione e di vetture stradali dal 1926 ad oggi. Si possono ammirarei 26 vetture, con alcune che verranno sostituite a rotazione durante il periodo della mostra (fino a gennaio 2015), per un totale di 30 Maserati ‘top’ dal punto di vista storico e collezionistico.

La Maserati è stata fondata a Bologna il primo dicembre del 1914 e ha iniziato ufficialmente l’attività il 14 dicembre dello stesso anno. Il cuore dell’azienda era allora rappresentato da Alfieri Maserati e da due dei suoi fratelli, Ettore ed Ernesto. Si interessavano tutti di meccanica e amavano la velocità. Nonostante l’impegno a livello tecnico e commerciale, trovarono comunque tutti il modo e il tempo di mettersi al volante di un’automobile da corsa negli anni d’oro delle competizioni. Un quarto fratello, Bindo, si unì all’azienda, alla morte di Alfieri, nel 1932. Si attribuisce invece a Mario Maserati, altro fratello ancora, la creazione del famoso logo Maserati, ispirato al Tritone e alla fontana del Nettuno, nel centro storico di Bologna.

La prima automobile Maserati è del 1926, la Tipo 26 da corsa. Debuttò con una vittoria alla Targa Florio dello stesso anno. Quella fu la prima di un’infinita serie di successi che includono due edizioni della 500 Miglia di Indianapolis, 9 vittorie in Formula Uno e il Campionato del Mondo di F1 nel 1957. Nel 1947 Maserati presentò la sua prima vettura stradale, la A6 Granturismo. E nel 1963, con la prima generazione della Quattroporte, Maserati creò un segmento del mercato che non esisteva, quello delle berline sportive di lusso. Adesso, dopo il rilancio della Fiat (ottima la riconversione della fabbrica-Bertone a Grugliasco), i nuovissimi modelli Quattroporte e Ghibli, che hanno rimesso la Maserati là dove merita di stare: nella collezione di gioielli dell’industria italiana e, in particolare, della Motor Valley Emiliana.

Mostra per i 100 anni della Maserati al Museo Enzo Ferrari di Modena

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui