Lo sport di vivere : il monologo di Carlo Nesti al Salone del Libro

0
56

LO SPORT DI VIVERE è un video monologo curato da Carlo Nesti, con la regia di LUCIANO SOMMA che verrà presentato Venerdi 9 Maggio alle ore 18 nell’ambito del XXVII Salone Internazionale del Libro – Padiglione 2 – Sala Blu Per esprimere emozioni e sentimenti si è sempre fatto ricorso a un romanzo, una poesia, una canzone, un film, una commedia, un quadro, una scultura e tanti altri modi estremamente suggestivi.

Lo sport di vivere
Lo sport di vivere

Tuttavia, si può esprimere un “campionario” di situazioni e stati d’animo diversi, appartenenti alla vita di ciascuno di noi, anche attraverso gli eventi sportivi, scelti in base a cosa ci hanno trasmesso. CARLO NESTI ha raccolto l’espressione di questi sentimenti e li ha ”cuciti” fra loro attraverso: – testi, con l’integrazione psicologica fra lo sport e la vita; – immagini, con le cronache dirette originali degli avvenimenti scelti, corredati da filmati suggestivi che spaziano da Benvenuti-Griffith a Italia-Germania Ovest 4-3, da Diego Armando Maradona a Pietro Mennea. – musica, con le canzoni e le colonne sonore, dedicate allo sport. Come sottolinea CARLO NESTI spiegando il significato de Lo sport di vivere : “….E’ possibile esprimere i sentimenti, che proviamo nella nostra esistenza, non solo con l’attualità o l’arte, ma anche con gli eventi sportivi, che li hanno rappresentati. Da quando è nato l’uomo, le passioni costituiscono la fiamma, che accende il piacere di narrare qualcosa a qualcuno. E i sentimenti massimi, che alimentano le passioni, sono l’amore e l’odio. Essi creano antagonismi, uomo contro uomo, e, in epoca di guerra, popoli contro popoli, nazioni contro nazioni, ed eserciti contro eserciti. L’epica è il genere letterario, a partire da Omero, con Iliade e Odissea, attraverso cui vengono celebrati gli eroi, che vincono le guerre, o i martiri, che le perdono. In assenza di conflitti, dalle Olimpiadi antiche a quelle moderne, è proprio la contesa dello sport a riprodurre, magari mediante il linguaggio bellico, le contrapposizioni fra atleti e atleti, e fra squadre e squadre, che sostituiscono popoli, nazioni ed eserciti. Ma anche la vita di tutti i giorni è, sovente, una sorta di combattimento, nel quale ci sono, alla fine, vincenti e perdenti. Ed ecco che, in questa concatenazione guerra-sport-vita, l’agonismo diventa una espressione epica dei sentimenti, che proviamo durante la nostra esistenza. Ci sono eventi della storia dello sport, infatti, che hanno magicamente incarnato le situazioni quotidiane di chiunque, con il calore, e il colore di un capolavoro: chiamiamolo “lo sport di vivere”. Il giornalismo sportivo, di conseguenza, si è spesso trovato alle prese con un incrocio narrativo: spiegare certe imprese più in chiave razionale, tecnica e scientifica, o più in chiave sentimentale, romantica e istintiva? In sostanza: cronaca o epica, testa o cuore? E’ una domanda, alla quale, una volta tanto, è bello non rispondere, apprezzando entrambe le interpretazioni, e lasciandoci guidare da esse… “ L’evento, inserito dall’Assessorato allo Sport del Comune di Torino come test-event nel programma del Salone Internazionale del Libro 2014, è realizzato in vista di “Torino Capitale Europea dello Sport 2015” e dei 150 di Storia del Giornalismo Sportivo Italiano (1865-2015) e si lega all’uscita del libro di CARLO NESTI “Il mio Allenatore si chiama Gesù” (Edizioni San Paolo), che rispecchia le finalità educative ed etiche dello spettacolo stesso.

Lo sport di vivere : il video monologo di Carlo Nesti al Salone del Libro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui