Pubblicità
HomeTecnologiaL'effetto serra? Ora si combatte col cellulare

L’effetto serra? Ora si combatte col cellulare

[oblo_image id=”2″]Surriscaldamento globale, effetto serra, emissione di gas inquinanti: tre problemi strettamente collegati, da anni al centro di convegni e dibattiti in tutto il mondo. Una soluzione definitiva non è mai stata trovata (o almeno non ancora), così per molti studiosi ci stiamo avvicinando a un punto di non ritorno, che causerà la morte del nostro pianeta. Tra i maggiori responsabili di questa funesta prospettiva c’è l’alta concentrazione di anidride carbonica nell’aria, dovuta principalmente alle emissioni delle fabbriche e dei mezzi di trasporto. Automobili, aereoplani, mezzi pubblici ogni giorno rilasciano nell’atmosfera enormi quantità di CO2, che si accumula e porta il naturale effetto serra oltre i suoi normali limiti, rendendolo pericoloso se non micidiale per la vita sulla Terra.

[oblo_image id=”1″]Ma se i governi dei vari paesi del Mondo non sono riusciti a trovare una linea comune per risolvere o almeno contenere questo problema, forse qualcosa nella nostra piccola quotidianità possiamo farlo. Usando il cellulare. Il giovane londinese Andreas Zachariah, amministratore della società Carbon Hero, infatti, sta per lanciare sul mercato un software per telefonini che permette di tenere sotto controllo le quantità di anidride carbonica emesse durante gli spostamenti in città. Il nome del software è Carbon Diem, può essere utilizzato su ogni mezzo di trasporto e funziona su cellulari dotati di GPS. L’applicazione consente di conoscere l’esatta quantità di CO2 emessa durante il viaggio, aggiornata costantemente, con un minimo margine di errore e permette agli utenti di comprendere quale sia l’impatto ambientale dei loro spostamenti, aiutandoli a scegliere soluzioni di viaggio meno inquinanti.

Carbon Diem nasce da un progetto dello scorso anno, che ha avuto anche un riconoscimento dall’ESA, l’Agenzia Spaziale Europea. Il software sarà comunque disponibile solo dall’inizio del prossimo anno. Sperando che nel frattempo una soluzione a livello mondiale sarà definita.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments