HomeCulturaIl telegiornale dei ragazzi sbarca sul web

Il telegiornale dei ragazzi sbarca sul web

Più informazione per i ragazzi. Aumenta l’offerta sul web Rai. E’ on line, da lunedì www.gtragazzi.rai.it, il nuovo sito del Gt ragazzi, il telegiornale più amato dai bambini in onda dal lunedì al venerdì alle 16,15 su Rai Tre. Non solo i servizi e le ultime notizie del Gt: il sito, realizzato da RaiNet, prevede anche la possibilità, da parte dei bambini, di portare il proprio contributo incrementando le informazioni e le news attraverso un filo diretto con la redazione.

[oblo_image id=”1″]Il portale contempla numerose funzionalità: dall’opportunità di rivedere su www.gtragazzi.rai.it e su www.rai.tv la puntata del Gt del giorno, subito dopo la messa in onda, alla consultazione dell’archivio con tutti i servizi nella sezione Tutte le puntate, agli aggiornamenti costanti sulle news quotidiane nelle Notizie dal mondo. Un contenitore studiato appositamente per i ragazzi dove trova spazio anche l’interattività: i piccoli giornalisti potranno inviare alla redazione denunce e scoop che verranno messi on line nella sezione A voi la linea. Potranno raccontare curiosità, giochi, passioni e ritrovare i video dei loro coetanei attraverso In camera tua. News e interattività accompagnate da divertimento e numerosi temi d’interesse offerti dalle Vignette di Serafino, con servizi dedicati e da Che hai detto?, una sorta di vademecum alfabetico che raccoglie gli slang e le parole citate in trasmissione.

Le puntate del Gt ragazzi potranno essere riviste anche su Rai.tv, dove le pagine sono caratterizzate da colori vivaci e da una grafica completamente rinnovata. Un fenomeno, quello dell’offerta Rai sul web per i ragazzi – spiega Alberto Contri, amministratore delegato di RaiNet – che evidenzia un trend in continua crescita. Nel 2007 sono state oltre 3 milioni le pagine viste mensilmente e 170mila gli utenti unici mensili che hanno cliccato nei trenta siti Rai dedicati ai bambini, per un incremento rispettivamente del 400 per cento e del 240 per cento rispetto all’anno precedente.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments