Pubblicità
HomeSpettacoloCinemaHancock: Willy agisce e stupisce

Hancock: Willy agisce e stupisce

Sembrava un semplice blockbuster da noleggiare nelle serate di pioggia, invece “Hancock” agisce e stupisce. La trama, apparentemente tesa solo a sfatare la figura del supereroe perfetto, similmente alla figura di Shrek per il principe azzurro, si svela come una trama originale, particolare e profonda.

Basta vedere gli occhi di Will Smith, che riescono a esprimere tutta la solitudine di Hancock, o l’espressione di una grande Charlize Theron, per capire la qualità di due attori che stanno mostrando un talento straordinario; Il solo Will Smith ha interpretato il ruolo del padre di famiglia in difficoltà (Alla ricerca della felicità), del supereroe odiato (Hancock), del poliziotto duro (Bad Boys), del normale ragazzo americano (Men in black), mostrando una duttilità degna di una grande Meryl Streep.

La trama narra di un supereroe quanto mai originale, perché alcolista e dominato dalla rabbia. Proprio per questo motivo, viene odiato dalla gente, perché, quando interviene per fermare il crimine, ubriaco, fa più danni di quanti ne eviti. La sua vita scorre tra denunce e urla, finché non salva Ray Embrey (Jason Bateman), un uomo che lavora alle “pubbliche relazioni” e che, per sdebitarsi, decide di migliorare la sua immagine. Propone ad Hancock di presentarsi alla legge per essere incarcerato,in mododa far capire alla popolazione della sua città, quanto sia importante per loro, e che non si crede al di sopra della legge; inoltre proponedi promettere loro che intende agire in modo migliore in futuro e che, in carcere, entrerà in un gruppo per combattere rabbia e alcolismo. La sua permanenza in carcere di un mese, scorre lentamente, agitata solo da una colluttazione con dei criminali che aveva catturato lo stesso Hancock. Allo scadere di un mese, Hancock viene scarcerato per ordine della polizia, per permettergli di salvare una donna poliziotto, bloccata durante uno scontro a fuoco con criminali che stavano rapinando una banca. Con un po’ di difficoltà, Hancock riesce a salvare gli ostaggi e ha impedire la detonazione di vari ordigni C4, suscitando l’applauso della folla accorsa.

Tutto sembra andare per il meglio, quando Hancock si reca al ristorante assieme a Ray Embrey e a sua moglie, Mary Embrey, interpretata splendidamente da Charlize Theron, rivelando loro della sua amnesia. Infatti Hancock non sa niente delle sue origini, sa solo che si è svegliato ottant’anni prima, da solo, in un ospedale; La scena raggiunge il commovente, quando lo stesso Hancock, grazie all’interpretazione di Will Smith, dice ai due coniugi che, anche se non è una persona esattamente gradevole, non sa spiegarsi perché non c’era nessuno in quell’ospedale a chiedersi come stava.

Si ha il colpo di scena, quando Mary Embrey, moglie di Ray, rivela poteri forse anche superiori a quelli di Hancock, all’insaputa del marito, spiegando ad Hancock che in realtà loro due erano i due soli superstiti della specie e che erano creati a coppie. Spiega inoltre che erano immortali (loro due stessi avevano tremila anni), ma che le coppie di loro, erano attratte ineluttabilmente, anche se stare vicini li rendeva lentamente mortali. Dopo queste rivelazioni, Hancock si reca al supermercato e, sventando una rapina al suddetto supermercato, viene colpito da due colpi di pistola….

Rimane un film da vedere, tutt’altro che scontato e tutt’altro che leggero (le creature come Hancock sono costrette a scegliere tra immortalità e amore), quindi, con un adeguata pubblicità, potrebbe diventare un cult al livello di Spiderman, campione d’incassi.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments