Pubblicità
HomeCulturaArteDa Rembrandt a Veermer: che splendore al "del Corso"

Da Rembrandt a Veermer: che splendore al “del Corso”

Una coda lunga e lenta sembra scoraggiare la fila di persone in attesa di entrare. Ma mezz’ora di coda vale ben la pena di ammirare la mostra. In una serie di sale, di cui alcune dedicate alla spiegazione dell’ambiente storico delle fiandre del XV e XVI secolo, i veri capolavori fiamminghi sono scelti con maestria assoluta.

[oblo_image id=”2″]Vi si trovano le celeberrime opere di Vermeer, come La ragazza col filo di perle, che occupa la locandina della mostra, o L’uomo con l’elmo d’oro di un anonimo allievo di Rembrandt che, però, non fanno assolutamente sfigurare capolavori come La piazza Dam ad Amsterdam di Ruisdael, maestosa nella bellezza in tutti i suoi particolari, dai vestiti dei personaggi, al cielo, agli edifici della piazza, o Lallegra compagnia sulla terrazza di Van der Velde. La maestria nel proporre superfici lucide in modo quasi fotografico, è presente in moltissime opere, basti pensare allo stesso L’uomo con l’elmo d’oro, o nell’argenteria della Natura morta con frutta e vasi di Beyeren, o, ancora, nella brocca della Rissa tra giocatori di carte di Jaan Steen. La grandezza, invece, nel creare effetti stupefacenti, nelle superfici opache, si nota nel tappeto del Ritratto di gentildonna genovese, di Van Dyck, ma anche in altre opere di autori meno famosi, come la già citata Natura morta con frutta e vasi, in cui il tessuto della tovaglia e la delicatezza della pesca sono di valore assoluto. Insomma, arte pura è esplicata in modi molto diversi, tra paesaggi, ritratti e nature morte, tanto di città quanto di campagna, tanto focalizzate su aristocratici, quanto su popolani.

[oblo_image id=”3″]Una mostra che offre opere così varie, di indubbia bellezza, che riescono ad emozionare durante tutto il tempo passato in completa immersione in quadri che sembrano catturarti e catapultarti nella loro atmosfera, è certamente una mostra per cui vale la pena aspettare mezz’ora, o spendere qualche euro, perché fonte di emozioni irripetibili.

Da Rembrandt a Vermeer
Valori civili nella pittura fiamminga e olandese del ‘600
Fondazione Roma Museo, Roma
11 Novembre 2008 – 15 Febbraio 2009

Per informazioni, è possibile visitare il sito del museo (www.museodelcorso.it), il sito di Mondo Mostre (www.mondomostre.it) e l’Associazione Cultura Italia (www.associazioneculturaitalia.it); Altrimenti è possibile contattare il museo via e-mail, all’indirizzo info@museodelcorso.it o per telefono, al numero 066786209.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments