HomeCulturaChi ha detto che troppi videogames fanno male?

Chi ha detto che troppi videogames fanno male?

Dopo che la conferenza dal titolo: “Videogiochi? Si, fanno bene!” ha riscosso molto successo, arriva il libro “Mamma non rompere Sto imparando!” dello scrittore Marc Prensky, tradotto in italiano da Multiplayer.it Edizioni. Il libro è volto a sfatare i classici miti inerenti all’uso smodato dei videogames da parte dei ragazzi cresciuti a pane e play station. Si pone infatti come obiettivo l’abbattimento dell’idea per la quale i video giochi sono diseducativi e alimentino i comportamenti violenti che spesso sfociano nel bullismo.

Alla conferenza hanno partecipato oltre l’autore anche: l’On.Gabriella Carlucci, membro della commissione Cultura della Camera dei Deputati, Jaime D’Alessandro, giornalista de La Repubblica, Giampaolo Rossi, Presidente di Rai Net, Thalita Malag, Segretario AESVI, Paolo Crepet, Psichiatra, Roberto Genovesi, giornalista e docente di Game Design e Ludologia alla Link Campus University di Malta. Il tema principale attorno al quale ha ruotato la conferenza era i videogiochi e l’apprendimento, con uno sguardo particolare al lavoro di tutela che i genitori ogni giorno compiono sui propri figli.

Il sito web di riferimento è www.mammanonrompere.com, nel quale si può trovare un concorso nazionale bandito in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione: “Io e il videogioco”, volto a sensibilizzare gli allievi e le scuole ma anche genitori ed insegnanti sul ruolo del videogames attraverso il quale il ragazzo può ottenere benefici nell’apprendimento multimediale.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments