HomeSenza categoriaYago Lamela , morto a 36 anni il saltatore spagnolo

Yago Lamela , morto a 36 anni il saltatore spagnolo

Yago Lamela
Yago Lamela

Grave lutto nel mondo dell’atletica: è scomparso ad appena 36 anni il saltatore spagnolo Santiago Yago La Mela. Il corpo dell’atleta è stato rinvenuto senza vita nella sua abitazione di  Avilés ; rimangono ancora sconosciute le cause del decesso. Specialista del salto in lungo, ha avuto l’apice della carriera nel 1999 conquistando la medaglia d’argento ai mondiali superato solo dall’inarrivabile cubano Pedroso. Il suo record personale di 8,56 è stato per 10 anni primato europeo: Yago La Mela rimane uno dei sei atleti continentali capaci di superare il muro degli 8 metri e cinquanta. Purtroppo, gli infortuni ne hanno condizionato terribilmente il rendimento negli ultimi anni sino a spingerlo al ritiro. In una disciplina che lacera muscoli e tendini, la sua caviglia si è rivelata spesso troppo fragile: da ciò è derivata la delusione di non poter ottenere i risultati che il talento e l’impegno avrebbero meritato.

Finché non verrà acclarata la dinamica della morte, non è possibile escludere alcuna ipotesi. Principalmente le alternative più accreditate sono quelle del decesso per cause naturali e del suicidio. Dopo il ritiro, ha iniziato a soffrire di depressione e purtroppo la sua parabola è tristemente simile a quella di altri atleti che hanno affrontato il mal di vivere allorché è terminata la carriera sportiva. Tuttavia, si tratta al momento di sole congetture e soltanto i successivi esami degli inquirenti potranno fornire la risposta definitiva. L’unica certezza è che il mondo dell’atletica piange Yago Lamela , un campione che ha dato tanto e che forse avrebbe meritato di ricevere di più.

Morto Yago Lamela , il saltatore spagnolo vicecampione mondiale nel 1999, trovato senza vita nella sua casa di Avilés a 36 anni
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments