(Adnkronos) – SpaceX ha annunciato, con un tweet sul profilo X, che è ormai tutto pronto per il quarto volo di test di Starship, il razzo progettato per trasformare radicalmente il futuro dell'esplorazione spaziale con la sua avanzata tecnologia che lo rende riutilizzabile. La data fissata è giovedì 6 giugno, e le operazioni si svolgeranno dalla base spaziale in Texas, con una finestra di lancio di 120 minuti che inizierà alle prime luci dell'alba, alle 7:00 ora centrale. Per tutti gli appassionati e i curiosi, sarà possibile seguire il test in diretta. La trasmissione web dal vivo prenderà il via circa 30 minuti prima del decollo, accessibile tramite il link fornito e sul canale X @SpaceX. Tuttavia, il team avverte che, come per ogni test di sviluppo, il programma potrebbe subire modifiche; dunque, è consigliato tenere d'occhio gli aggiornamenti in tempo reale sul loro account X. Il successo del terzo test di volo ha segnato una svolta significativa, portando a termine una serie di primati: dal primo rientro di Starship dallo spazio alla prima apertura e chiusura della porta del carico utile in orbita, fino a una dimostrazione efficace di trasferimento di propellente. I progressi raggiunti hanno fornito dati essenziali anche per le future missioni come il programma Artemis della NASA per il ritorno sulla Luna. 
Il quarto test di volo ha come focus quello di dimostrare concretamente la capacità di ritorno e riutilizzo sia della Starship che del suo booster Super Heavy. Gli obiettivi principali includono l'esecuzione di una manovra di atterraggio controllato e un ammaraggio delicato nel Golfo del Messico, nonché un rientro gestito di Starship. Per raggiungere questi traguardi, SpaceX , guidata dall' eccentrico e visionario Elon Musk, ha introdotto miglioramenti significativi nel software e nell'hardware del razzo, aprendo la strada a un aumento della affidabilità complessiva e incorporando le lezioni apprese dal precedente volo. Inoltre, verranno apportate modifiche operative, come la separazione della fase calda del Super Heavy dopo il boostback, per alleggerire il booster nella fase finale del volo. La traiettoria di volo del quarto test sarà simile a quella del precedente, prevedendo un ammaraggio di Starship nell'Oceano Indiano. Questo percorso è stato scelto per massimizzare la sicurezza pubblica senza la necessità di una manovra di disorbita, offrendo ancora l'opportunità di conseguire l'obiettivo primario di un rientro controllato. L'obiettivo finale è quello di creare un sistema di trasporto completamente riutilizzabile che possa trasportare equipaggi e carichi verso l'orbita terrestre, la Luna, Marte e oltre. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui