HomeSportPaltrinieri , 1500 metri d'oro . Detti di bronzo

Paltrinieri , 1500 metri d’oro . Detti di bronzo

Gregorio Paltrinieri
Gregorio Paltrinieri

Ci sono campioni e campioni. Ci sono campioni che sono consapevoli del proprio talento e ne abusano, finiscono con il vivere di rendita accontentandosi di navigare nelle dolci acque della notorietà regalando qualche gossip per i giornali quando hanno voglia di leggere il loro nome su una copertina. E poi ci sono i campioni come Gregorio Paltrinieri, predestinati a segnare un’epoca ma che il futuro se lo costruiscono lavorando in modo spossante ogni giorno per limare ogni difetto, per correggere anche la minima impurità. Umili in allenamento, ambiziosi in gara: gente che sa che senza fare fatica non si va da nessuna parte ma che quando ha la serenità di aver fatto tutto per bene si sente pronta a cercare l’impresa. Paltrinieri sapeva che avrebbe vinto i 1.500 metri ancora prima di tuffarsi in acqua, eppure ha voluto regalarsi qualcosa di unico. Nessuna remora, spingere fin dalla prima vasca per cercare un tempo da favola che lo consacrasse nell’olimpo dei giganti della piscina. Un uomo solo al comando sempre e comunque con gli avversari che diventavano sempre più piccoli sullo sfondo dell’inquadratura. Ha sognato il record del mondo, il suo 14’39”33 non basta per scalzare Sun Yang, ma per il 19enne di Carpi il tentativo è solo rimandato. Sesto tempo all time, una naturalezza in acqua che appartiene solo all’elite dei fuoriclasse e la certezza che il meglio debba ancora venire. E’ lui il presente e il futuro del nuoto azzurro in una specialità nobile, massacrante, troppo lunga per non essere considerata di resistenza e troppo breve per consentire di gestire il ritmo come avviene nelle gare di fondo. No, i 1.500 metri sono una tagliola che divora muscoli e gambe, ti danno il tempo di pensare e lacerarti nel dubbio che il fisico possa presentare il conto. Paltrinieri ha accettato il rischio perchè quando si spinge sino alla soglia, il rischio di “saltare” è dietro l’angolo ma lo ha fatto con il coraggio di un ragazzo che ha voglia di scoprire i propri limiti per superarli. E gli applausi di Berlino sono tutti per lui. A festeggiarlo sul podio c’è anche l’altro azzurro, Gabriele Detti che ha chiuso terzo in 14’52”53

Paltrinieri splendida medaglia d’oro agli Europei di nuoto di Berlino con il sensazionale tempo di 14’39”33. Sul podio anche Gabriele Detti che chiude terzo
RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments