Pubblicità
HomeUltimissimeOblò.it spegne le sue prime 10 candeline!

Oblò.it spegne le sue prime 10 candeline!

[oblo_image id=”1″]Dieci. Che numero fantastico. Lo indossavo spesso giocando a pallone, la maglia bianconera quella di Roberto “Codin Divino” Baggio, il sogno di assomigliare un po’ al mito Michel e la certezza di avere quel numero sulle spalle solo grazie all’infinito umorismo del mister.

Ora quel dieci lo indosso perché lo merito, perché l’ho voluto con tutto me stesso. Lo indosso con un orgoglio che non credevo di poter sfoggiare e con una passione ed un amore che ho ritrovato in chi con me sta collaborando da un anno a questa parte a quest’avventura uscita miracolosamente da un coma profondo.

10. Non è più solo il numero di un mito e di tanti suoi figli. Da oggi 10, nel mio cuore nella mia mente, è il numero che mi ricorda gli anni che sono passati dalla prima volta di Oblò.it in rete. E poco importa che non tutti e 10 siano stati da ricordare. Importa che siano stati vissuti, tutti ed indistintamente, con passione e serietà da uomini con la U maiuscola.

Niente “quaraquaqua”, come avrebbe detto il numero 10 del cinema italiano Antonio “Totò” De Curtis, ma solo persone che sanno che, quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare.

E che ci diano pure “dei folli” come fecero il 16 novembre 1998, non importa. Non viviamo con Oblò.it, non viviamo per Oblò.it ma viviamo Oblò.it ed è fantastico. Questo giornale ci permette, oggi come ieri, di fare ciò che ci piace nel modo in cui tutti dovrebbero poterlo (e saperlo) fare: con correttezza e passione nel pieno rispetto dei valori altrui.

Oblò.it è una grande famiglia, lo era quando iniziammo e lo è ancora di più oggi. Lo formano decine e decine di persone diverse per età, sesso e ideologia unite in un sentimento di affezione che oserei definire unico visto che è rivolto ad un’entità decisamente virtuale.

Quest’entità virtuale però ha basi decisamente reali ed ha un grande pregio: sa risvegliare la passione, la sa alimentare regalando soddisfazioni personali ad ognuno dei suoi “soldati” quando loro meno se lo aspettano, sa ascoltarli e regala loro una libertà che altrove non avrebbero.

A me quest’entità, questo “figlio virtuale”, ha regalato tanto, molto più di quello che mi ha tolto (e ancora mi toglie) in preoccupazioni o tempo libero. E chi ci lavora, per pura passione, è forse la mia più grande soddisfazione, sia esso il primo dei “cavalieri” o l’ultimo dei “fucilieri”.

Ho conosciuto persone fantastiche, collaboro quotidianamente con giornalisti dal grande futuro e dal radioso presente che hanno dalla loro la forza dell’umiltà e della passione. Mi auguro che le nostre strade non si dividano ma se così sarà spero che sappiano rimanere esattamente quello che sono ora perché solo così potranno essere veramente dei “bravi giornalisti”.

Oggi sono qui a festeggiare con questi nuovi compagni di viaggio un traguardo storico, non solo per Oblò.it ma per tutto il web perché, purtroppo, se mi guardo intorno non trovo più chi ha iniziato dopo di noi.

Siamo stati, e siamo ancora oggi, la prima testata editoriale nata per il web ed abbiamo saputo cavalcare onde burrascose adattandoci a ciò che la rete chiedeva nella sua fase di maturazione. Siamo maturati con lei, siamo maturati con i lettori e con loro continueremo a confrontarci per poter dare un servizio giornalistico sempre migliore.

So che lo faremo perché so che la “mia squadra” è fatta da persone serie e capaci che sono sempre state, e sempre saranno, la fortuna dei più grandi numeri 10!

Quindi grazie. Grazie ad Oblò.it, a cui auguro altri cento di questi giorni; grazie a chi ci legge da dieci anni e a chi lo fa da un solo giorno perché siete voi ad aver decretato il nostro successo, ad averci consentito di raggiungere un traguardo così importante e, soprattutto, a darci la fiducia per porci da subito nuovi traguardi.

Grazie a Mauro Sina ed Emiliano Miotti per avere sopportato, più o meno in silenzio, le mie follie e le mie pressioni per far ripartire la macchina che stiamo, ora, felicemente guidando insieme. Non l’ho mai detto ma rimedio subito: avere dei soci come voi è una fortuna ma la fortuna più grande è avervi come amici.

Ed infine, ma solo perché l’elenco è davvero lungo, grazie a chi crea tutti i giorni dell’anno questo fantastico prodotto editoriale con passione, caparbietà e professionalità. Un grazie ad Andrea Capponi, Andrea Mar, Andrea Nuzzaco, Andrea Tedeschi, Anna Elisabetta Raffin, Anna Taudul, Annarita Silvestrin, Carlo Rocchietta, Caterina Porcellini, Cinzia Funcis, Claudia Tarantino, Concetta Monzo, Cosimo Fabio Lecce, Cosimo Scialpi, Daniela Ficetola, Domenico Barnà, Fabio Izzo, Federico Dell’Aquila, Francesca Sodini, Francesco Finucci, Francesco Fravolini, Gianpiero Ariola, Giulio Antonio Gualtieri, Giuseppe Amato, Giuseppe Capua, Lorenzo Bianco, Lucilla Continenza, Luigia Bencivenga, Luigina Dinnella, Marcello Accanto, Marco Boffa, Marco Miranda, Maria Anna Mastrangelo, Maria Antonella Lionetti, Marianna Pilato, MariaPia Fuschino, Matteo Gardelli, Miranda Saccaro, Mirko Moizi, Nicola Arcieri, Paola Putzolu, Raimondo Adamo, Rita Paola Maietta, Roberto D’Ingiullo, , Sabino Pisani, , Salvatore Nascarella, Salvatore Possumato, Salvo Longo, Sara Muscogiuri, Simona Scardino, Simone Rinolfi, Valentina Nuccio, Davide Vaccari, William Volpicella, componenti della redazione centrale e delle redazioni locali di Oblò.it.

Ed un grazie anche a Alessandra Aliprandi, Alessandro Rettore, Alessia Rabacchi, Alessio Di Lisciandro, Alex Buaiscia, Andrea Benei, Andrea Chiari, Andrea Pomo, Andrea Sola, Angelica Pellarini, Angelo Nese, , Anna Laura Margherita Grassia, Annamaria Umbrello, Annarita Triarico, Antonella Mezzina, Arianna Terni, Benedetta Petrocchi, Benedetta Susanna, Carlo Magni, Chiara Bilotta, Chiara Bordoni, Cinzia Tosetti, Clara Milia, Claudia Cavaliere, Claudia Colagiovanni, Cristine Spagna, Daniela Paola Padularosa, Daniele Cestellini, Debora Fragnito, Diego Bonvissuto, , Domenico Titolo, Elena Romano, Elisa Cerasoli, Elisa Zancanella, Elisabetta Baou Madingou, Elvira De Sanctis, Emanuela Castorina, Emanuela Di Filippi, Emanuele Liani, Emiliano Lazzeri, , Enrico Cagalli, Evelina Federico, Ezio Saponari, Fabiana Di Cuia, Fabio Porrino, Fabio Santelli, Fabiola Poggi, Federico Piano, Federico Rolando, Filadelfa De Luca, Francesca Circelli, Francesca Lidia Aggio Mattone, Francesco Barile, Francesco Manna, Fulvia Sampellegrini, Gabriele Fallica, Gabriele Giansante, Gabriella Poggioli, Gessica Berti, Giacomo Palermo, Gian Luca Marino, Gianbattista De Cicco, Gianfranco Spensieri, GianLuca Fontana, Gianluca Lobuono, Giorgia Pittau, Giovanna Barillari, Giovanni Marangella, Giovanni Sperandeo, Giovanni Trovato, Giuliana Patacconi, Giuseppe Sabatino, Giuseppina Doria, Greta Massa Gallerano, Guendalina Marotta, Ilaria Trudu, Ivan Selvaggi, Ivano Silvi, Ivano Stelluto, Katia Ciocca, Laura Alice Marroni, Laura Andena, Laura Di Marzio, Laura Maria Spanu, Laura Piacentini, Leandro Vichi, Lidia Ianuario, Linda Marino, , Lorenzo Giaquinto, Luca Ferraro, Luca Speranza, Lucia Emilia Stipari, Lucrezia Coppola, Maddalena De Bernardi, Marco Clarizia, Marco Palasciano, Marco Papa, Marco Papasidero, Maria Doriana De Padova, Maria Lucia Scuotto, Maria Luisa Trimarchi, Maria Marinelli, Maria Paterno, Maria Rosaria Leone, Marika Paoletti, Marina Schirinzi, Massimiliano Bonomo, Massimiliano Mancuso, Massimo Bonasorte, Massimo Cotroneo, Massimo Radi, Matteo Campodonico, Matteo La Porta, Monica Lanfranco, Nathalie Parnese, Nathan Zippo, Nicola Salis, Paola Acuti, Paola Cibelli, Paola Maraventano, Paolo Gonella, Patrizia Gentili Spinola, Rossella Conte, , Sabrina Salmeri, Samuele Bovini, Sara Gentile, Sara Moraca, Silvia Barchiesi, Silvia Staiano, Simona Internullo, Simona Santelli, Simonetta Tocchetti, Stefania De Simone, Stefania Ortolano, Stefano Corradi, Stefano De Matthias, Stefano Simioni, Stefano Spanò, Stefano Terraciano, Stella Seitun, Teresa Ivano, Tommaso Pasquini, Valentina Cattivelli, Valentina De Nuzzo, Valentina Fanfera, Valentina Loponte, , Valentina Testa, Valeria Alioto, Valeria Brigida, Valerio Giunta, Valerio Occhiuzzi, Valerio Palumbo, Vincenzo Carrella, Vincenzo Federiconi, Vito Graffeo attuali o ex collaboratori esterni.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments