HomeCulturaIl Sidereus Nuncius apre l'Anno delle Stelle di Infini.to

Il Sidereus Nuncius apre l’Anno delle Stelle di Infini.to

L’ONU ha proclamato il 2009 “International Year of Astronomy”, affidando all’Unesco e all’Unione Astronomica Internazionale il compito di curarne il coordinamento internazionale. In Italia sarà l’Istituto Nazionale di Astrofisica a organizzare le attività.

Infini.to Parco Astronomico di Pino Torinese partecipa a tale evento con un ricco calendario di appuntamenti che è iniziato il 13 marzo 2009 con la lettura del Sidereus Nuncius di Galileo esattamente 399 anni dopo la sua prima pubblicazione, e si concluderà il 13 marzo 2010.

Infini.to, struttura nata con l’obiettivo di divulgare presso il grande pubblico l’astronomia e la cosmologia, unico esempio in Italia di Museo astronomico interattivo e di Planetario digitale, offrirà al pubblico opportunità di incontro con importanti divulgatori scientifici, ma anche occasioni per osservare gli oggetti celesti studiati da Galileo sia con una copia dello strumento da lui utilizzato sia con più moderni telescopi.

Il percorso prevede da un lato l’attenzione sulla figura e sull’opera di Galileo dall’altro opportunità per la riscoperta del cielo come patrimonio di tutti.

[oblo_image id=”1″]“L’occhio di Galileo che nel 1609 per la prima volta scruta la Luna con un cannocchiale – spiega Piero Bianucci, presidente di Infini.to – segna la nascita dell’astronomia moderna e l’ONU ha voluto richiamare l’attenzione del mondo intero su questo grande passo verso la conoscenzadell’Universo. Ma quel gesto è anche il simbolo che rappresenta con più efficacia l’idea stessa di osservazione scientifica, il punto di partenza del metodo sperimentale. Nel fondare l’astronomia del nostro tempo, Galileo gettava le basi di tutte le scienze: osservare, formulare ipotesi, concepire esperimenti replicabili, mettere le ipotesi alla prova, partire dal risultato ottenuto per compiere il passo successivo sulla via della conoscenza. E’ un metodo che costituisce la Carta Costituzionale della Ragione, il codice che permette agli scienziati di dialogare al di là delle differenze di opinioni politiche, religiose, filosofiche. E’ in questo spirito che al Planetario di Torino celebreremo l’Anno internazionale dell’Astronomia con una cinquantina di manifestazioni: spettacoli, dibattiti, mostre, conferenze, convegni”.

Nella serata inaugurale di venerdì 13 marzo lo stesso Piero Bianucci ha presentato l’anno dell’Astronomia introducendo gli spettatori alle ricerche di Galileo Galilei e alle scoperte presentate nel “Sidereus Nuncius”;

Pur nella sua brevità – soltanto 56 pagine – il Sidereus Nuncius di Galileo Galilei è il testo che fonda l’astronomia moderna. Pubblicato il 13 marzo 1610 in 550 copie, andò esaurito in pochi giorni ed ebbe poi moltissime edizioni e traduzioni. Vi sono riportate le scoperte che renderanno sempre più convincente il modello copernicano e porteranno alla fine del sistema tolemaico risalente a Aristotele. Galileo, grazie al cannocchiale – da lui perfezionato e per la prima volta usato in campo astronomico – compie osservazioni rivoluzionarie. Dapprima osserva la Luna e ne descrive la superficie caratterizzata da montagne, crateri e pianure, smentendo quanti fino ad allora l’avevano ritenuta una sfera perfetta composta di materia celeste incorruttibile; studia poi la Via Lattea, scoprendola composta da un enorme ammasso di stelle. Infine pone la sua attenzione su Giove, ne scopre i quattro satelliti maggiori, chiamati “pianeti medicei”in onore del Granduca Cosimo II de’ Medici, alla corte del quale godeva di grande stima. Correlando la natura di questi satelliti a quella della Luna, stabilì che Giove è un pianeta analogo alla Terra fra altri pianeti simili.

Il trattato ebbe una eco vastissima. Galileo divenne una sorta di eroe in tutto il mondo (perfino in Cina, dove era conosciuto come Chia-Li-Lueh) e fu accolto con grandi onori anche nella Roma pontificia, dove entrò a far parte della prestigiosa Accademia dei Lincei.

Gli appuntamenti

L’Anno delle Stelle al Planetario di Torino
13 marzo 2009 – 13 marzo 2010

MARZO 2009
20 marzo
Equinozio di primavera
Inaugurazione delle serate osservative (riproposte il terzo venerdì di ogni mese). Dalle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà osservare il cielo grazie a una ricca dotazione di telescopi. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta all’interno del Planetario digitale.

22 marzo
Giornata dei Planetari
Inaugurazione di un nuovo percorso di visita e spettacolo (usufruibile fino al 21 giugno) dedicato al Sole. Lo staff di Infini.to guida il pubblico alla scoperta della nostra stella.

APRILE 2009
3 aprile
Gli oroscopi di Galileo
Galileo tra astronomia e astrologia. Spettacolo animato da esperimenti che coinvolgeranno il pubblico a cura di Stefano Bagnasco, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Torino.

17 aprile
I segreti del cielo
Ogni terzo venerdì del mese. Dai telescopi posti sulle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà scoprire il cielo con un’attenzione particolare agli oggetti celesti osservati da Galileo. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta nel planetario digitale.

21 aprile
Metti una sera al Planetario…
Guardare il cielo con “altri occhi”: dalla radioastronomia all’astronomia gamma – relatore Attilio Ferrari (Università di Torino).

MAGGIO 2009
12 maggio
Metti una sera al Planetario…
Evoluzione stellare: dalla nascita di una stella ai buchi neri – relatore Piero Galeotti (Università di Torino).

15 maggio
I segreti del cielo
Ogni terzo venerdì del mese. Dai telescopi posti sulle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà scoprire il cielo con un’attenzione particolare agli oggetti celesti osservati da Galileo. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta all’interno del Planetario digitale.

17 maggio
Notte dei Musei
Percorso animato all’interno del museo.

Date da definire
Le serate dell’Anno dell’Astronomia
Quattro serate con gli autori della collana “L’Anno dell’Astronomia” curata da Piero Bianucci: “Giove e gli altri giganti del Sistema Solare”, relatore Cesare Guaita (Planetario di Milano); “I nani del Sistema Solare”, relatore Mario Di Martino (Osservatorio Astronomico di Torino); “Le stelle, fucine della vita”, relatore Piero Galeotti (Università di Torino); “Dal telescopio di Galileo ai supertelescopi del 2050”, relatore Walter Ferreri (Osservatorio Astronomico di Torino).

GIUGNO 2009
5 giugno
Le serate dell’Anno dell’Astronomia
“L’altra rivoluzione del 1609: le orbite di Keplero”, relatore Franco Pastrone (Università di Torino)

12 giugno
Le serate dell’Anno dell’Astronomia
“Il Sole da Galileo alle sonde spaziali”, relatore Ester Antonucci (Direttrice dell’Osservatorio Astronomico di Torino).

19 giugno
I segreti del cielo
Ogni terzo venerdì del mese. Dai telescopi posti sulle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà scoprire il cielo con un’attenzione particolare agli oggetti celesti osservati da Galileo. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta all’interno del Planetario digitale.

Data da definire
I 250 anni dell’Osservatorio Astronomico di Torino
Presentazione delle iniziative per le celebrazioni della nascita dell’Osservatorio Astronomico torinese. Relatore Ester Antonucci, Direttrice dell’Osservatorio Astronomico di Torino.

21 giugno
Solstizio d’estate
Dalle lanterne magiche alle tecniche digitali per raccontare la magia del cielo, Relatore Donata Pesenti, (Museo Nazionale del Cinema di Torino).

LUGLIO 2009
3 luglio
Quarant’anni dallo sbarco sulla Luna
Piero Bianucci

4 luglio
Festa d’estate
In collaborazione con il Borgo Medievale.

10 luglio
Letture galileiane
A cura di Piergiorgio Odifreddi.

17 luglio
I segreti del cielo
Ogni terzo venerdì del mese. Dai telescopi posti sulle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà scoprire il cielo con un’attenzione particolare agli oggetti celesti osservati da Galileo. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta all’interno del Planetario digitale.

19 luglio
Gli eroi della Luna, ieri e oggi
Serata speciale,dedicata agli astronauti che sbarcarono sulla Luna, con testimonianze di Silvia Rosa-Brusin, giornalista del TG -3 scientifico “Leonardo”.

CHIUSURA DI INFINI.TO DAL 20 LUGLIO AL 7 AGOSTO

AGOSTO 2009 (riapertura sabato 8 e domenica 9)

11 agosto
Le Perseidi, lacrime di San Lorenzo
Tutti col naso all’insù alla ricerca delle “stelle cadenti”.

15 agosto
Porte aperte a ferragosto

21 agosto
I segreti del cielo
Ogni terzo venerdì del mese. Dai telescopi posti sulle terrazze il pubblico, guidato dallo Staff di Infini.to, potrà scoprire il cielo con un’attenzione particolare agli oggetti celesti osservati da Galileo. In caso di mal tempo la volta celeste sarà riprodotta all’interno del Planetario digitale.

Data da definire
Eclisse Solare
Documentazione fotografica dell’eclisse totale di Sole del 22 luglio visibile dall’India all’oceano Pacifico.

INFO
Indirizzo: Via Osservatorio – 10025 Pino Torinese (Torino)
Per conoscerci o contattarci utilizza il sito www.planetarioditorino.it oppure scriverci una mail all’indirizzo info@planetarioditorino.it. Info, orari e programmi delle serate sul sito www.planetarioditorino.it nella sezione news. Prenotazioni al numero 011 8118640 (dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 18.00).

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments