HomeTecnologiaGiornalisti 2.0: Napoli si confronta sulla digital press

Giornalisti 2.0: Napoli si confronta sulla digital press

E’ dedicato a “Giornalisti 2.0” il primo incontro di OpenLab, l’iniziativa promossa da ITSMedia, con la collaborazione dell’Ordine dei giornalisti della Campania, per realizzare un centro di confronto e analisi sulla comunicazione digitale.

L’evento, in programma venerdì 21 novembre, alle ore 16, nella Sala Conferenze di ITSMedia (Largo Barsanti e Matteucci, 53 – Napoli), è strutturato come un’area di confronto “aperta”: alcuni esperti del settore (tra gli altri, i docenti universitari Rossella Savarese e Giorgio Ventre) forniranno spunti di scenario per approfondire aspetti e problemi del “citizen journalism”, dei social network professionali e della convergenza tra i media. L’incontro, che punta a rafforzare il dialogo fra due mondi, quelli dei new e degli old media, che in apparenza non sembrano interagire, è rivolto, in particolare, agli operatori della comunicazione: direttori e rappresentanti di testate, giornalisti, docenti e allievi delle Scuole di giornalismo. Il confronto può essere seguito e commentato attraverso il blog www.openlab.splinder.com, inaugurato in occasione dell’incontro e aggiornato in tempo reale con la sintesi dei principali interventi.

OpenLab – spiega Serena Altieri, vice presidente del Gruppo ITS – è uno spazio aperto, perché, seguendo la filosofia dell’open source, raccoglie e mette a confronto il contributo di quanti – sociologi, giornalisti, esperti di comunicazione pubblica, operatori dell’informazione e della formazione – sono impegnati in questa delicata fase di integrazione tra media tradizionali e digitali”. L’analisi dei temi affrontati non si ferma ai momenti di incontro, ma continua on line attraverso un blog ed una newsletter.

Si parte da “Giornalisti 2.0”, per estendere, poi, il confronto, nei prossimi appuntamenti, agli uffici stampa ed alla comunicazione istituzionale, al mondo della scuola, della ricerca e delle aziende: “in tutti questi ambiti di riflessione sui media digitali – aggiunge Francesco Bellofatto, curatore di OpenLab vogliamo delineare i nuovi scenari della comunicazione e approfondire i temi suggeriti dall’innovazione tecnologica e dal web partecipativo: l’interattività, i processi di apprendimento, l’informazione condivisa e l’accesso al sapere, i nuovi linguaggi e le figure professionali per l’era digitale, la dimensione etica della comunicazione”.

Incontri, forum e contributi aggiuntivi alimenteranno “Net Generation – Comunicare in digitale”, una rivista digitale, incubatore di esperienze partecipate e strumento di lavoro. La rivista, articolata in contributi monografici, ha come obiettivo quello di diventare, con l’apporto e la condivisione di associazioni e organismi di categoria, un punto di riferimento per gli operatori nel campo della comunicazione.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments