Filippo Minieri , il primario d’ospedale morto dopo 11 ore di lavoro

0
117
Filippo Minieri
Filippo Minieri

E’ una morte bianca quella di Filippo Minieri, primario del reparto di chirurgia endovascolare all’ospedale Caldarelli di Napoli. Il medico si è sentito male dopo aver svolto un turno di lavoro di 11 ore: un arresto cardiocircolatorio è risultato fatale. Filippo Minieri aveva 60 anni. La sua scomparsa mette in luce uno dei gravi problemi del nostro sistema sanitario con il personale costretto spesso a turni di lavoro massacranti per coprire le mancanze delle strutture. A tale riguardo è intervenuto il presidente dell’Ordine Nazionale dei Medici, Gabriele Peperoni, che ha espresso tutta la sua amarezza per la prematura scomparsa del suo collega e ha ammonito sulla necessità di intervenire per evitare che simili disgrazie possano ripresentarsi: “Filippo Minieri, primario del Cardarelli di Napoli, è deceduto dopo 11 ore di lavoro
Siamo vicini alla sua famiglia. Il problema va affrontato. Non si può lavorare a ritmi così sostenuti, il personale medico è sotto stress, sono necessarie forze fresche, chi ha ruoli di responsabilità dovrà tenerne conto”. Per gli accertamenti di rito , la salma di Filippo Minieri è stata trasferita al Policlinico per l’autopsia. I colleghi lo ricordano come un professionista esemplare e una persona disponibile ad aiutare anche i più giovani. Il Caldarelli era una seconda casa, essendo stato assunto nel lontano 1978. La sua morte he gettato nello sconforto l’intero personale dell’ospedale: i tentativi di soccorso, per quanto immediati, sono risultati vani. Bisognerà però valutare la dinamica dei fatti e chiedersi se la morte di Filippo Minieri poteva essere evitate riducendo il carico di lavoro. Ed è una domanda che esige una risposta per impedire di dover piangere altre vittime di questa morte bianca tanto amara quanto assurda.

La storia di Filippo Minieri , il primario di chirurgia endovascolare dell’ospedale Caldarelli di Napoli, morto dopo un turno massacrante di 11 ore.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui