(Adnkronos) – Per il mese di febbraio 2024, il prezzo di riferimento del gas per il nuovo cliente tipo che ha consumi medi di gas di 1.100 metri cubi annui è pari a 100,37 centesimi di euro per metro cubo (-4% su gennaio). Lo rende noto Arera che ha comunicato oggi il valore della materia prima del servizio di tutela della vulnerabilità di febbraio 2024.  La componente del prezzo del gas a copertura dei costi di approvvigionamento (Cmem,m), applicata ai clienti nel servizio di tutela della vulnerabilità, viene aggiornata da Arera come media mensile del prezzo sul mercato all’ingrosso italiano (il Psv day ahead) e pubblicata entro i primi 2 giorni lavorativi del mese successivo a quello di riferimento. Per il mese di febbraio, che ha visto le quotazioni all’ingrosso scendere rispetto a quelle registrate a gennaio, il prezzo della sola materia prima gas (Cmem,m), per i clienti nel servizio di tutela della vulnerabilità, è pari 27,84 euro/MWh. A gennaio era a 31,1903 euro/mwh. "Il calo dei prezzi del 4% equivale a un risparmio medio di 46 euro annui a famiglia rispetto alle tariffe di gennaio, con la bolletta media dei clienti vulnerabili che, considerato un consumo di 1.100 metri cubi all’anno, si attesta a 1.104 euro", afferma il presidente di Assoutenti, Furio Truzzi. Secondo l'associazione 2,5 milioni di famiglie beneficeranno dei ribassi disposti, mentre ''si attende che la fine del mercato tutelato del gas inneschi la tanto attesa concorrenza tra operatori che, purtroppo, ancora non si vede. Valuteremo cosa significano questi valori per gli utenti che erano prima nel regime tutelato e ora si trovano sul mercato libero che, a nostro avviso, è ancora scarsamente reattivo nella definizione di tariffe maggiormente competitive", conclude l'associazione. "Bene, una buona notizia i clienti vulnerabili. Peccato che il risparmio sia pari solo a 46 euro su base annua. Se il Governo, invece, non avesse deciso di ripristinare nel 2024 gli oneri di sistema e le vecchie aliquote Iva, il gas sarebbe crollato del 15%, con uno sconto di 126 euro, 111 per il solo effetto Iva", afferma Marco Vignola, responsabile del settore energia dell'Unione Nazionale Consumatori.  ''La riduzione delle tariffe del gas per gli utenti vulnerabili è un segnale positivo, peccato tuttavia che le bollette risultino ancora più salate del 16% rispetto allo stesso periodo del 2023'', rileva il Codacons. A pesare sul confronto con lo scorso anno, secondo l'associazione, ''è il ritorno della tassazione (oneri di sistema e Iva) sulle bollette del gas, che aggrava la spesa delle famiglie''. ''Oggi un nucleo che rientra nel regime della vulnerabilità -secondo il Codacons – spende per il gas in media il 16% in più rispetto alle tariffe in vigore a febbraio 2023 sul mercato tutelato, equivalente ad una maggiore spesa annua di 153 euro considerato un consumo annuo pari a 1.100 metri cubi. Questo nonostante i ribassi dei prezzi sui mercati e solo come conseguenza del ritorno della tassazione in bolletta''. “Speriamo ora che la riduzione delle tariffe disposta da Arera spinga le società del mercato libero del gas ad adeguarsi ai ribassi, migliorando le offerte ai consumatori che al momento appaiono poco competitive”, conclude il presidente Carlo Rienzi.   —facilitaliawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui