Pubblicità
HomeCulturaAzione! Paolo Bertetto e l'arte di dirigere gli attori

Azione! Paolo Bertetto e l’arte di dirigere gli attori

[oblo_image id=”1″]Oggi, quando si parla di cinema e di film, la figura del regista è sempre più spesso al centro dell’attenzione. Questo non è necessariamente un male, ma non si può dimenticare, né trascurare il fatto che ciò che il regista ha voluto dire o fare, con la sua opera, passa attraverso la faccia, la voce, i gesti e le movenze dell’attore. Il ruolo dell’attore deve forse tornare ad essere maggiormente considerato, perché i grandi registi non sarebbero tali se le loro opere non fossero state interpretate e create dall’abilità e dalla sensibilità dei grandi attori.

Il destino di un film è strettamente legato alla “grandezza” di una interpretazione, a chi ci ha messo la faccia, ed alla capacità del regista di “dirigere” gli attori. A questo tema è dedicato Azione! un libro di Paolo Bertetto, che verrà presentato il 2 aprile, alle 18, al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Saranno presenti, oltre all’autore Paolo Bertetto, Goffredo Bettini, Presidente della Fondazione Cinema per Roma, e Giorgio Van Straten, Presidente dell’Azienda Speciale Palaexpo. Parleranno di come sia riduttivo relegare l’importanza dell’attore al fenomeno del divismo che a volte lo circonda, o alla pura funzionalità del suo ruolo rispetto alle scelte artistiche di un regista.

In realtà, dietro ad un ruolo, così come alla scelta del nome di chi deve interpretarlo, c’è molto di più della casualità. C’è un prima, un durante e un dopo il set. C’è un lavoro di approccio e di avvicinamento, fra autore ed attore, a volte misterioso, spesso sfuggente. Affidare una parte, per l’autore, è un momento delicato, significa delegare a qualcuno una parte di se, spesso, molto intima. Quindi è inevitabile che le condizioni di questa delega, le tecniche per conferirla, e i legami che si instaurano tra autore e attore, decidono spesso il destino di un film.

Bertetto ha voluto esplorare questo tema, ed il suo libro ci fornisce dati e notizie su cosa significhi davvero dirigere un attore di fronte ad una macchina da presa. Ci racconta lo stile con cui l’hanno fatto alcuni fra i più grandi autori di cinema da Kubrick a Renoir, da Godard a Tarantino, da Hitchcock a Ford.

L’ingresso alla presentazione del libro è gratuito, ed è in Via Milano 9A.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments