Pubblicità
HomeRubricheSaporiRicetta pasta all'amatriciana in bianco o Gricia : la tradizione laziale in...

Ricetta pasta all’amatriciana in bianco o Gricia : la tradizione laziale in cucina

Pasta all'amatriciana in bianco o Gricia
Ricetta pasta all’amatriciana in bianco o Gricia

Ricetta pasta all’amatriciana in bianco o Gricia : il gusto della tradizione

Tipico piatto della cucina laziale è la pasta alla Gricia, parente della più comune matriciana o amatriciana, che si differenzia dalla prima per l’utilizzo del pomodoro. La pasta possiamo sceglierla a nostro piacimento: dalla corta, come i rigatoni o i riccioli, alla lunga, con spaghetti, tonnarelli o bucatini.
La gricia, conosciuta anche come matriciana bianca, è stata creata da pastori laziali prima ancora dell’importazione del pomodoro, per questo è una pasta bianca. Ingredienti principali, infatti, sono proprio sapori della tradizione laziale, come il pecorino.

Gli insostituibili ingredienti sono:
400 gr di pasta
250 gr di guanciale
50 gr di pecorino romano grattugiato o 150 gr di quello di Amatrice
Sale qb
Pepe qb
Olio extravergine di oliva qb

Preparazione
Versare un po’ di olio extravergine di oliva in una padella e, una volta caldo, mettere il guanciale, precedentemente tagliato a strisce o a dadini, e farlo rosolare finché non sarà dorato. Cuocere la pasta in acqua salata, scolarla al dente e conservare un po’ dell’acqua di cottura. Unire la pasta al guanciale, aggiungere il pecorino, del pepe e un po’ di acqua di cottura, continuando a mescolare. Servire, con una spolverata di pecorino grattugiato.

Consigli, alternative e osservazioni
Si consiglia di utilizzare il pecorino di Amatrice perché meno salato, leggermente piccante e più delicato rispetto al più noto pecorino romano, dal sapore decisamente più forte. A fare da re però è il nostro palato: è bene scegliere a proprio piacimento l’uno o l’altro.

Se scegliete la pasta lunga, come gli spaghetti, per servirli prendeteli dalla padella con una forchetta (grande, se ce l’avete), girate come a creare un nido e versate nel piatto. Potete fare un unico grande nodo o più nodini piccoli, sistemati come preferite nel piatto.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments