HomeCulturaArteNature morte “musicali” negli artisti delle avanguardie

Nature morte “musicali” negli artisti delle avanguardie

[oblo_image id=”1″]E’ il quarto appuntamento dell’edizione 2009/2010, del ciclo “Arte e Musica” promosso dall’Assessorato alla Cultura della Provincia di Bari  presso la Pinacoteca Provinciale “Corrado Giaquinto” al Lungomare Nazario Sauro 27 (IV piano), a Bari. Si terrà Domenica 21 marzo con inizio alle ore 10:45 e conclude quest’undicesima edizione di un’iniziativa che porta avanti una formula innovativa: l’abbinamento di una breve conversazione su un argomento storico-artistico, all’esecuzione di brani musicali che ruotano intorno alle stesse tematiche. L’idea vincente è stata portata avanti dalla direttrice della Pinacoteca di Bari Dott.ssa Clara Gelao, con la consulenza musicale di Rino Marrone. Nell’ultimo appuntamento, in programma una conversazione di Giacomo Lanzilotta dal titolo Nature morte “musicali” negli artisti delle avanguardie, seguita dall’esecuzione di brani musicali da parte dei maestri Umberto Cafagna alla chitarra e Michele Bozzi al flauto.

Verrà presentato un percorso ideale delle rappresentazioni di nature morte con strumenti musicali, realizzate dai grandi protagonisti delle avanguardie del Novecento, soprattutto cubisti: da Picasso a Braque, a Gris e ad altri del giro. Si analizza il paradosso di un soggetto della pittura “tradizionale” come quello della natura morta che ricorre in artisti rappresentanti di quei movimenti e gruppi – le avanguardie appunto – che si sono distinti per la loro forte carica innovativa contro il conservatorismo dell’epoca. Quasi onnipresente tra gli strumenti raffigurati è la chitarra, frequente in Picasso e manifesto retaggio delle sue origini andaluse. Di grande interesse sono anche i brani musicali successivi, componimenti per chitarra e flauto di Pessard, Giuliani, Castelnuovo-Tedesco, Villa-Lobos, Piazzolla.

L’ingresso è libero.

RELATED ARTICLES
- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments