Barbara Fabbroni – scrittrice, giornalista, speaker radiofonica, psicologa e criminologa – ci accompagna in un macabro viaggio nella mente di un omicida seriale che ama porre complicati enigmi: nel romanzo Il killer delle bambole di porcellana. Il commissario Antinori e i luoghi bui dell’anima seguiamo le indagini del commissario della squadra omicidi Emma Antinori per scovare un assassino che sta terrorizzando Firenze da settimane.

Sei omicidi e ancora non è riuscita neanche a capire cos’abbia in testa il killer, quale movente lo spinga a uccidere delle donne innocenti e a farle ritrovare vestite, truccate e pettinate come delle bambole di porcellana.

Il Killer delle bambole di porcellana
Il Killer delle bambole di porcellana

Emma è in crisi, e lo vediamo già in apertura dell’opera, quando è preda di insonnia e di un tormento angosciante: cosa stanno a significare tutti quegli indizi ritrovati sui luoghi di abbandono delle vittime? Perché il killer mescola simbologie, mitologie e riferimenti a diversi credi religiosi senza un apparente schema, eppure con una meticolosità che potrebbe invece celare un disegno ben studiato, certo complesso e intricato ma non per questo illogico? L’assassino cura i corpi delle vittime e i luoghi del loro ritrovamento con maniacalità; tutto si ripete in modo identico di omicidio in omicidio, perfino il tatuaggio che viene trovato sul corpo di ogni donna ma sempre in posizioni diverse: una coppa con una goccia di sangue – «I tatuaggi hanno una loro sequenza come in una caccia al tesoro dove procedi in avanti solo se risolvi il rebus. L’uno si collega all’altro, in più hanno un legame ulteriore come se fosse una mappa concettuale che si dipana a forma di ragnatela con alla base un elemento costante: la coppa che ricorda il Santo Graal».

Sono troppi i riferimenti, e innumerevoli le ipotesi; la mente di Emma comincia a ingarbugliarsi nei suoi stessi pensieri: l’autrice è abile nel mostrare la confusione della protagonista, nel restituire il suo disagio, che si acuisce omicidio dopo omicidio, enigma dopo enigma. In questa vicenda asfissiante niente è lasciato al caso e ogni colpo di scena è ben ragionato: è una discesa all’inferno quella di Emma, alle costole di un serial killer che non ha paura dell’oscurità ma, anzi, la brama, e cerca di trascinare nel buio più persone possibili.

Il killer delle bambole di porcellana. Il commissario Antinori e i luoghi bui dell’anima è un romanzo giallo a tinte noir che affascina e che intrattiene con la sua storia di intrighi e indagini, vendette e menzogne, cadute nel baratro e pericolose risalite.

Casa Editrice: Armando Curcio Editore
Collana: Thrill
Genere: Romanzo giallo/Noir
Pagine: 246
Prezzo: 18,90 €

Contatti
www.barbarafabbroni.it
https://www.instagram.com/barbarafabbroniofficial/
https://curciostore.com/libreria/il-killer-delle-bambole-di-porcellana/

Booktrailer del romanzo
https://www.youtube.com/watch?v=j3qVWpg-06I

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui