HomeSpettacoloMusicaAmor che move il sole: gli auguri corali del Tempio Valdese di...

Amor che move il sole: gli auguri corali del Tempio Valdese di Torino

L’Accademia Corale Stefano Tempia celebra il Natale con un concerto che si avventura tra le mille sfaccettature dell’amore. Amor che move il sole… propone una panoramica di canti sul tema amoroso esplorando lingue, tradizioni musicali, appartenenze culturali e popoli differenti. Un omaggio alla pari dignità e bellezza di tutte le culture che vuole essere un augurio di pace. Il tema della musica come strumento di dialogo ritornerà nel corso della stagione con l’atteso appuntamento del 21 marzo 2016 (anteprima domenica 20) dal titolo “Tra Armenia e Islam”, ideato e diretto da Guido Maria Guida.

Sono affidati ai “Percorsi corali”, filone del cartellone dedicato alle formazioni ospiti, gli auguri 2015 dell’Accademia. A portare l’atmosfera natalizia al Tempio Valdese di Torino, sabato 12 dicembre alle ore 21, sarà il Coro G di Torino, compagine giovanile formata da cantori tra i sedici e i ventisei anni, fondata nel 2003 e tuttora diretta da Carlo Pavese. I componenti del coro sono ragazzi provenienti da diverse esperienze musicali, che hanno perfezionato la propria tecnica vocale e approfondito la conoscenza del linguaggio corale, grazie anche al carisma umano e artistico di colui che li guida. Carlo Pavese, musicista eclettico, ha approfondito il suo interesse per la nuova musica corale a Stoccolma dove è stato assistente di Gary Graden. Apprezzato docente di direzione, interpretazione e improvvisazione, si è guadagnato la stima del mondo corale che lo ha designato Artistic Manager della XVII edizione di Europa Cantat (Torino, 2012), festival mondiale della musica corale, al quale anche il Coro dell’Accademia Stefano Tempia ha avuto l’onore di prendere parte.

Il programma del concerto si presenta come un viaggio geografico e linguistico. Si parte dalla Vienna del Kantor Jacob Handl, di Johannes Brahms e Gustav Mahler, per attraversare panorami inglesi e americani, e approdare a tepori mediterranei. Apre la serata il mottetto cinquecentesco a quattro voci Surge, propera, amica mea in cui l’amata viene paragonata ad una pura colomba. Con uno scarto di trecento anni Brahms nei Sieben Lieder intona antiche canzoni d’amore. Un’improvvisazione profumata di Mahler conclude la prima sezione dedicata al mondo anglosassone. Il percorso si sposta in terre anglofone con la contemplazione del divino, sia nell’inno accorato If Ye Love Me di Thomas Tallis, con la raffigurazione della Maria Maddalena di Charles Villiers Stanford. Poi è la volta dell’amor profano in Reincarnations dell’americano Samuel Barber e nelle Five Flower Songs dell’inglese Bejamin Britten. L’amor latino è inaugurato da Tomás Luis de Victoria, uno dei più celebri compositori del tardo Rinascimento, con una riflessione sulla nascita di Cristo (O magnum mysterium). Con un salto dal Rinascimento ad oggi, si prosegue con il Canto no bercé del vivente Julio Dominguez, che posa lo sguardo sull’amore di un figlio che ricorda la madre lontana. Bruno Bettinelli compose la canzonetta Già mi trovai di maggio nel tentativo di riscoprire le antiche forme rinascimentali della musica vocale a cappella. Pietro Calusetti scrisse giovanissimo L’ombra dei boschi d’Aser che ritrae l’innamorato attendere la sua bella nella frescura dell’ombra verdeggiante. Carlo Pavese, nella veste di compositore, si è ispirato al celebre verso 103 del quinto canto dell’Inferno dantesco. Il brano Amor 103 in prima esecuzione assoluta per la stagione dell’Accademia Stefano Tempia, è un vortice di otto battute che sembra impossessarsi, pian piano, dello spazio sonoro. Un amore menzognero, fatto di promesse tradite, è quello de Le mensonge del contemporaneo Corrado Margutti.

Il cammino si conclude con alcune tradizionali Christmas Carols, che cantano l’amore “On high” (I sing of a maiden – Angels we have heard on hight – Ding dong merrily on hight – Joy to the world) mescolando la gioia trascendente della natività con la festa popolare.

Biglietti. Intero euro 12, Ridotto euro 10, Giovani euro 5.

INFO BIGLIETTERIA: Per ogni informazione e per l’acquisto dei biglietti è possibile rivolgersi (dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 14.30) all’Accademia Corale Stefano Tempia in via Giolitti 21A 10123 Torino, Tel. 0115539358 Fax 0115539330, e-mail biglietteria@stefanotempia.it.

I biglietti sono acquistabili anche on-line su www.stefanotempia.it

Nel giorno del concerto è possibile acquistare il biglietto presso il Tempio Valdese a partire dalle ore 20.30.

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments