HomeSpettacoloMusicaAddio a Pino Daniele, voce e colore di Napoli

Addio a Pino Daniele, voce e colore di Napoli

Pino Daniele durante uno dei suoi ultimi concerti
Pino Daniele durante uno dei suoi ultimi concert

L’amore travolge, la morte insegue ed il male uccide e, ai piedi del Vesuvio, oggi, tutti piangono Pino Daniele. Un lutto quasi preannunciato ad ogni suo concerto quando un respiro affannato ed un’emozione di troppo lasciavano trasparire tutto il dramma di un cuore ballerino e di un triste destino già scritto da tempo.

Con oggi, non muore solo Pino Daniele ma tutta una città: Napoli. Perché, “… Napule è mille culure… è a voce de’ criature… addore ‘e mare… Napule è ‘na cammenata…” e poco importa ciò che Pino Daniele ha rappresentato musicalmente a livello internazionale! Pino è Napoli ed i napoletani sono Pino!

Pino ha creduto nella sua città, ha cantato per essa, tanto da dedicargli anche un nuovo movimento musicale negli anni ’80, il “Neapolitan Power” che mischiava i suoni tradizionali a quelli da lui tanto amati come, il rock, il blues, il funky ed il jazz. L’ha resa una “città grande” agli occhi di tutti descrivendone semplicemente l’anima ancor prima dei decantati paesaggi mozzafiato, dell’ottimo cibo, del sole e del mare!

Ne ha raccontato i pregi ed i difetti, “Napule è ‘na carta sporca e nisciuno se ne importa e ognuno aspetta a’ ciorta”perché Napoli è così orgogliosa, leggera e tremendamente fatalista. E, sul palco come nella sua turbolenta vita, anche Pino era così. E così è stato fino all’ultimo istante!

Ogni articolo su Pino Daniele ed ogni parola a lui dedicata, oggi, sarebbero superflue ma tra i tanti messaggi di cordoglio che ho letto e che voglio menzionare, ci sono quelli del suo popolo, nelle cui vene scorre sangue partenopeo e quello della collega ed amica Teresa De Sio che l’ha definito un “traghettatore”!

E non poteva trovare parola più bella per descriverlo nella sua interezza e per divulgare il suo messaggio perché se oggi Napoli è viva, con un glorioso passato e con un futuro “vivace” ed incredibilmente affascinante, lo deve anche e soprattutto a Pino Daniele!

RELATED ARTICLES

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Most Popular

Recent Comments