Il saluto di Pozzecco, Peter Pan del nostro basket

0
42

[oblo_image id=”1″] “Un consiglio per un giovane che si avvicina al basket? Fai esattamente il contrario di quello che ho fatto io e vedrai che andrà tutto bene”. Per chi ama la pallacanestro è un giorno triste. Perchè non vedrà più Gianmarco Pozzecco, la mosca atomica che ha esaltato e fatto infuriare con la stessa disinvoltura i parquet di tutta Italia e non solo. Il playmaker capace di geniali assist e di altrettanto inconfondibili palle perse alternando atteggiamenti da leader a scenate da bambino capriccioso, dice basta al termine di un’altra stagione vissuta in prima linea. Di errori ne ha fatti. Probabilmente con un altro carattere avrebbe vinto di più e avrebbe trovato un feeling più duraturo con la maglia della Nazionale. Ma non essere se stessi significava anche non essere unici. Dentro e fuori dal campo. Quando i riflettori si spengono è più facileapprezzare ogni sfaccettatura del personaggio cominciando a sentire un pò di nostalgia. Ci mancheràsoprattutto il suo voler prendere sempre una posizione, schierarsi senza mai accettare compromessi o soluzioni di comodo.Non è un caso che abbia ricevuto consensi unanimi solo quando la carrierasi avviava ad un dolce tramonto nell’oasi felice di Capo D’Orlando. Ha trascinato i siciliani sino ai playoff offrendo il gioco più divertente del nostro campionato. La sconfitta contro la rivelazione Air Avellino non macchia una stagione esaltante: lo sa lui e lo sa il pubblico che gli ha tributato una standing ovation degna dei giganti del canestro. E anche il discorso di commiato non poteva che essere in puro stile Pozzecco: “Ringrazio tutti quelli che mi hanno insultato perchè mi hanno dato le motivazioni per allungare la carriera. Molti di loro ora mi applaudono e questo rende tutto più bello. Lascio lo sport che amo con la serenità di aver avuto più gioie che dolori in questo viaggio cominciato quando avevo 4 anni”. Ci mancherà sul parquet: forse, però, il legame con il basket proseguirà su un’altra via. Con lo stesso entusiasmo e un pizzico in più di saggezza.