Dal Giappone arriva la prima automobile ad acqua

0
134

[oblo_image id=”2″]Con il vertiginoso aumento del prezzo del petrolio, cercare una valida alternativa all’oro nero è un problema importante. Ed una soluzione tanto ecologica quanto economica potrebbe arrivare dal Giappone: la società nipponica Genepax, infatti, ha depositato la domanda per ottenere il brevetto di un motore elettrico alimentato ad acqua. La macchina presentata può utilizzare qualsiasi tipo di acqua (piovana, salata, dolce), tuttavia dalla realizzazione del prototipo alla sua produzione e distribuzione su larga scala il cammino è ancora lungo.

[oblo_image id=”1″]Kiyoshi Hirasawa, amministratore delegato della Genepax, in un’intervista a una tv locale giapponese ha detto che l’auto, con un solo litro di acqua, sarebbe in grado di viaggiare per circa un’ora alla velocità di 80 km/h. Hirasawa ha poi aggiunto: “Non c’è bisogno di costruire un’infrastruttura per ricaricare le batterie, come avviene di solito per la maggior parte delle auto elettriche”. Il motore funziona infatti grazie a un generatore che scompone l’acqua e la utilizza per creare energia elettrica. Tuttavia Hirasawa ha ammesso che l’invenzione non è sfruttabile nel futuro immediato, ma spera che il brevetto possa attirare l’interesse delle grandi case automobilistiche giapponesi. Al momento, infatti, i grandi produttori di auto stanno investendo enormi capitali in progetti opposti a quelli della Genepax: motori a cellule di idrogeno che producono acqua nel processo, e non che la consumano. Ma magari qualcuno disposto ad investire su un motore che utilizza il carburante più diffuso sulla Terra salterà fuori.