(Adnkronos) – La nuova McLaren Artura Spider è una supercar di nuova generazione spinta da un potente cuore ibrido.  Progettata e sviluppata per coinvolgere ancora di più il pilota, la nuova McLaren Artura Spider è dotata di hard-top retrattile, in grado di aprirsi in soli undici secondi.  Prime consegne previste da metà anno a seconda dei mercati.  Veloce, potente ma anche leggera, con un peso a secco di soli 1.457 kg, la Spider pesa soli 62 kg in più rispetto alla sorella Coupé ed è tra le più leggere supercar scoperte.  Cuore di questa straordinaria decappottabile è il suo motore con alimentazione ibrida.  Il propulsore a benzina in allumino M630 da 3 litri, ora raggiunge una potenza specifica di oltre 200 cavalli per litro e ha un peso di soli 160 kg, circa 50 kg in meno di un normale propulsore McLaren V8.  L’unità elettrica è situata all’interno della campana della trasmissione e genera 95 cavalli per 225 Nm di coppia massima e vanta una densità di potenza per kg superiore del 33% rispetto al sistema utilizzato sulla hypercar McLaren P1.
 Il motore elettrico è alimentato da un pacco batteria a cinque moduli agli ioni di litio da 7,4 kWh per un’autonomia in modalità EV di 33 km.  Il motore a benzina turbo V6 sprigiona una potenza di 605 cavalli (quella complessiva è di 700 cavalli). Secondo quanto dichiarato dalla Casa madre, la Artura Spider raggiunge i 100 km/h con partenza da fermo in soli 3 secondi, i 200 km/h in 8,4 secondi e i 300 km/h in 21,6 secondi.  La velocità massima raggiungibile è di 330 km/h (limitata elettronicamente).  Tre le modalità di guida selezionabili dal pilota: • Comfort
 
• Sport
 
• Track.
 Per ottimizzare le prestazioni in pista, la Artura Spider è dotata della funzione “Spinning Wheel Pull-Away”: si attiva disattivando il controllo elettronico della stabilità (tasto ESC) e permette di far slittare le ruote quando si accelera da fermi, per la massima spinta.  Nuova anche la taratura degli ammortizzatori, sul Model Year 2025 della Artura i tecnici inglesi sono intervenuti migliorandone la reattività. Il Domain Control Unit nell’architettura Ethernet è stato implementato, la sua risposta è cresciuta fino al 90%. —motoriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui