(Adnkronos) – La ISS sta invecchiando e la stessa amministrazione Biden si è impegnata a mantenere in funzione la gloriosa stazione spaziale almeno fino al 2030. Entro allora, la NASA mira a aver già completato la transizione verso almeno una stazione spaziale di proprietà privata. Se tutto procede secondo i piani, la ISS dismessa e vuota si spingerà nell'atmosfera terrestre e si disintegrerà mentre precipita verso l'oceano. Ad oggi non mancano le problematiche, sono comparse crepe su un modulo russo, un'altra sezione ha subito perdite d'aria. Negli ultimi anni, la stazione ha anche sperimentato guasti ai servizi igienici, misteriose variazioni di temperatura e un guasto al sistema di approvvigionamento dell'ossigeno. Nel percorso che poi porterà all'avvicendamento finale, la NASA ha riferito che Orbital Reef ha superato quattro tappe fondamentali per alcune delle sue tecnologie più cruciali, inclusi un sistema per riciclare l'urina dei futuri astronauti e turisti. Le tappe hanno coinvolto il superamento di una serie di test sul sistema rigenerativo di Orbital Reef. Questo sistema fornirà aria pulita e acqua potabile per gli esseri umani a bordo della stazione spaziale. Alcuni dei test includevano la capacità del sistema di rimuovere le impurità dall'aria, recuperare l'urina per il riciclo e mantenere un serbatoio d'acqua, ha riferito la NASA. La ISS ha un sistema simile che ricicla acqua e ossigeno da, come la NASA lo definisce, "attività umane normali" – cioè principalmente respirare, sudare e urinare. È vero, il sistema trasforma l'urina in acqua potabile. La trasformazione dell'urina in acqua aiuta a ridurre la quantità d'acqua che la NASA dovrebbe lanciare nello spazio per mantenere in vita gli astronauti, riducendo così i costi di lancio e risparmiando denaro. La NASA ha assegnato a Blue Origin e Sierra Space 172 milioni di dollari USA come parte del suo obiettivo di sviluppare stazioni spaziali commercializzate e guidate dagli Stati Uniti in orbita bassa terrestre che potrebbero sostituire la ISS dopo il suo pensionamento.  La NASA sta affidando la prossima generazione di stazioni spaziali alle aziende commerciali perché ha priorità più grandi che necessitano di finanziamenti. Attualmente, mantenere il programma ISS costa alla NASA circa 3 miliardi di dollari all'anno. "L'agenzia è impegnata a continuare a lavorare con l'industria con l'obiettivo di avere una o più stazioni in orbita per garantire la concorrenza, ridurre i costi e soddisfare la domanda della NASA e di altri clienti," ha detto Hart in una dichiarazione della NASA a gennaio. 
Senza la ISS, ciò libererà il budget della NASA per concentrare i suoi sforzi sull'istituzione di una presenza umana permanente sulla luna, inclusa una stazione spaziale in orbita lunare e una base sulla superficie lunare, tramite le sue missioni Artemis.
 "Complessivamente, abbiamo proiettato che i costi totali di Artemis raggiungeranno i 93 miliardi di dollari tra il 2012 e il 2025," ha detto George Scott, ispettore generale ad interim della NASA durante un'audizione governativa a gennaio, aggiungendo che ciò non includeva il costo dei lanci, che sarà di circa 4,2 miliardi di dollari per lancio per le prime quattro missioni Artemis. —tecnologiawebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Advertisement

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui