La colonizzazione etrusca in Italia in scena ad Orvieto

0
57

[oblo_image id=”2″]Oggi, 23 novembre, ad Orvieto, una piccola città dell’Italia Centrale, è cominciato il XV Convegno Internazionale di Studi sulla Storia e l’Archeologia dell’Etruria.

Promosso dalla Fondazione per il Museo “Claudio Faina”, in collaborazione con il Comune di Orvieto, il convegno affronterà il tema della colonizzazione etrusca in Italia.

Relatori del convegno sono i personaggi di spicco del mondo accademico e culturale. Durante la prima giornata, dopo il saluto delle autorità, sono state presentate le relazioni di Giovannangelo Camporeale (Università di Firenze) e Giovanni Colonna (Università di Roma “ La Sapienza”).

La seconda giornata, sabato 24 novembre, inizierà con l’intervento di Giuseppe Sassatelli (Università di Bologna) seguito dalle relazioni di Raffaele De Marinis (Università di Milano), Luigi Malnati (Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna e della Lombardia) e Armando Cherici.

Nel pomeriggio interverranno Petra Amann (Università di Vienna), Patrizia Gastaldi (Università di Napoli “L’Orientale”) e Stefano Bruni (Università di Ferrara).

Alla giornata di chiusura, domenica 25 novembre, parteciperanno Adriano Maggiani (Università di Venezia), Roberto Macellari (Museo Archeologico di Reggio Emilia), Luca Cerchiai (Università di Salerno) e Carmine Pellegrino (Università di Salerno).

Il convegno affronta il tema di esodo degli etruschi nelle varie aree geografiche del nostro paese, dalle Alpi fino alla zona di Napoli. Gli interventi riguardano la storia delle migrazioni, l’influenza degli etruschi sulle civiltà indigene, alcuni aspetti della loro vita.

Non per caso il convegno si svolge a Orvieto. Questa piccola cittadina umbra, dal VII al III secolo a.C. fu uno dei maggiori centri della vita politica, religiosa e sociale dei popoli etruschi. Finora si sono conservate molte tracce dell’antica civiltà, dai vecchi pozzi scavati nella rupe agli oggetti quotidiani raccolti all’interno del museo “Claudio Faina”. Questa civiltà, assorbita dai Romani, fu elaborata e diffusa nell’Impero.

Orvieto, con la sua conferenza sugli etruschi fa richiamo alla storia nostra e dei nostri avi. Guardando indietro possiamo conoscere meglio le nostre usanze, le nostre abitudini o persino i nostri desideri. Possiamo capire meglio non solo il nostro passato, ma anche il nostro presente.