Il mondo colorato di Hundertwasser

0
9

[oblo_image id=”1″]L’Art Forum Würt inaugura il 25 febbraio 2008, La raccolta dei sogni, una monografica organizzata in omaggio dell’ottantesimo anno di nascita di Friedensreich Hundertwasser ( 1928-2000 ), uno degli artisti più discussi e singolari del XX secolo.
Pittore, scultore, architetto ed ecologista, Hundertwasser ( il vero nome è Friedrich Stowasser ) ha vissuto una vita semplice, quasi primitiva, divulgando, attraverso l’utilizzo di diverse forme artistiche, un messaggio di pace, bellezza e amore verso la natura.

Un’anima leggera quella di Hundertwasser che già dai primi lavori, composti durante gli orrori nazisti, riesce a guardare al di là delle bruttezze del mondo proponendo una realtà fiabesca, incantata, composta da paesaggi verdeggianti e scorci cittadini vivaci.

[oblo_image id=”2″]La sua fonte d’ispirazione è la natura, i suoi colori, la sua armonia, i suoi cicli che vengono tradotti nelle sue opere in forme labirintiche, fortemente evocatrici che si configurano come proiezioni dell’inconscio. L’arte, che prende spunto dalla natura, dalla sua universale bellezza e armonia, diventa mezzo per fornire a tutti un messaggio di bellezza assoluta contro la via sbagliata che l’uomo ha creato davanti a sé attraverso l’utilizzo improprio della tecnologia, dell’inevitabile inquinamento, del diffondersi di un’uniformità architettonica, dell’omologazione della cultura.

Per divulgare questo messaggio utilizza tutti i mezzi a sua disposizione: dipinge, decora francobolli, costruisce bizzarri palazzi di architettura organica e biomorfica, scrive manifesti.

Le sue opere sono caratterizzate da un raffinato gusto decorativo, da un forte cromatismo e dall’utilizzo di forme concentriche e imperfette. Niente in natura è lineare.

L’evento esclusivo propone oltre cento opere che attraversano tutta la parabola artistica dell’autore, dagli anni Quaranta fino alla fine degli anni Novanta, annoverando dipinti, disegni, arazzi e opere grafiche provenienti dalla Collezione Würt, dall’Archivio Hundertwasser di Vienna e dalla Die Galerie di Francoforte.
L’esposizione è visibile nelle sale dell’Art Forum Würt a Capena (Roma), ed è aperta al pubblico dal 23 febbraio al 18 ottobre 2008. L’ingresso è gratuito.